Un clavicembalo poco fa – II

Jean Françaix (1912 - 1997): Concerto per clavicembalo e strumenti (1959). Jean Françaix, clavicembalo; Rundfunk-Sinfonieorchester Saarbrücken, dir. Émile Naoumoff.

  1. Toccata I
  2. Toccata II [2:40]
  3. Andantino [4:30]
  4. Menuet [8:19]
  5. Finale [13:16]

Un clavicembalo poco fa – I

E ora, qualcosa di completamente diverso: un po’ di composizioni clavicembalistiche recenti 🙂


Francis Poulenc (1899 - 1963): Concert champêtre per clavicembalo e orchestra (1929). Aimée van de Wiele, clavicembalo; Orchestre de la Société des Concerts du Conservatoire, dir. Georges Prêtre.

  1. Adagio – Allegro molto
  2. Andante: Mouvement de sicilienne [11:07]
  3. Finale: Presto [16:58]

Le tre mani


Jean-Philippe Rameau (1683 - 1764): Les Trois Mains (da Nouvelles Suites de Pièces de Clavecin, c1726-27: n. 4 della Suite in la minore). Alberto Chiari, clavicembalo, e Clément Lefebvre, pianoforte.
Forse bisognerebbe avere una terza mano per eseguire questo brano di Rameau, che ricorda un po’, nello spirito frizzante, le sonate di Domenico Scarlatti 🙂


Rameau_3Mains1

Concerto per flauto dolce

Robert Valentine alias Roberto Valentino (c1671 - 26 maggio 1747): Concerto in si bemolle maggiore per flauto dolce, archi e basso continuo (c1725). David Antich, flauto dolce; ensemble La Dispersione, dir. Joan B. Boïls.

  1. Adagio
  2. Allegro [3:13]
  3. Adagio [6:46]
  4. Allegro [10:38]

Hornpipes

Hugh Aston (c1485 - 1558): A Hornepype (1522). Elisabeth Chojnacka, clavicembalo.

Con il termine hornpipe si indica un gruppo di forme di danza diffusesi nelle isole britanniche a partire dal XVI secolo; il più antico documento inglese relativo alla hornpipe è costituito appunto da questa composizione di Aston.


Una famosa hornpipe tradizionale, risalente al XVIII secolo, è la Sailor’s Hornpipe (nota anche come College Hornpipe), qui eseguita da Eduardo Antonello e i suoi Doppelgänger con un clavicembalo, due viole da gamba e una melodica 🙂


Aston, Hornepype