Chi passa




Filippo Azzaiolo (c1530/40-p1570): Chi passa per ’sta strada, villotta a 4 voci. Eseguita da: The King’s Singers; Denis Raisin-Dadre, flauto, e ens. Doulce Mémoire; Yo-Yo Ma, violoncello, e The Silk Road Ensemble; Marco Beasley, voce, e ens. Accordone, dir. Guido Morini.

Chi passa per ’sta strada e non sospira
Beato s’è,
falalilela,
Beato è chillo che lo puote fare,
Per la reale.
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.

Affacciati, ché tu mi dài la vita,
Meschino me,
falalilela,
Se ‘l cielo non ti possa consolare,
Per la reale.
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.

Et io ci passo da sera e mattina,
Meschino me,
falalilela,
Et tu, crudele, non t’affacci mai,
Perché lo fai?
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.

Compar Vassillo, che sta a loco suo,
Beato s’è,
falalilela,
Salutami ‘no poco la comare,
Per la reale.
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.


Giacomo Gorzanis (1525-1578): Padoana detta Chi passa per questa strada (trascrizione della villotta di Azzaiolo). Massimo Lonardi, liuto.


Anonimo (Inghilterra, sec. XVI): Chi passa (dal Marsh lute book). Valéry Sauvage, liuto.


William Byrd (1540-1623): Qui Passe, dal My Ladye Nevells Booke (n. 2). Timothy Roberts, virginale.


Abbiamo già incontrato tempo fa la frottola di Filippo Azzaiolo.

Byrd - Qui passe
William Byrd

Annunci

A zonzo per Londra con Playford & Co. – Saint Paul’s Wharf


Anonimo: Saint Paul’s Wharf, da John Playford, The English Dancing Master (Londra 16511); arrangiamento per liuto di Pascale Boquet. Valéry Sauvage, liuto.




Giles Farnaby (c1563-1640): Pawles Wharfe, dal Fitzwilliam Virginal Book. Claudio Colombo, pianoforte digitale.


stpaulswharf



William Brade (1560-1630): Ein Schottisch Tanz, da Newe ausserlesene liebliche Branden, Intraden, Mascharaden, Balletten, All’manden, Couranten, Volten, Aufzüge und frembde Tänze (Amburgo 1617). Hespèrion XXI, dir. Jordi Savall.

Melodie itineranti II


Anonimo: La spagnoletta. Valéry Sauvage, liuto.



Anonimo: Spagnoletta, dalla raccolta di danze Il ballarino (1581) di Marco Fabritio Caroso (1526/31–p1605). Micrologus & Cappella de’ Turchini.



Giulio Caccini, detto Giulio Romano (1546-1618): Non ha ’l ciel cotanti lumi, da Le nuove musiche e nuova maniera di scriverle (Firenze 1614); testo forse di Ottavio Rinuccini (1562-1621). Montserrat Figueras, soprano; Hopkinson Smith, tiorba; Jordi Savall, viola da gamba; Xenia Schindler, arpa doppia.

Non ha ’l ciel cotanti lumi,
Tante still’ e mari e fiumi,
Non l’April gigli e viole,
Tanti raggi non ha il Sole,
Quant’ha doglie e pen’ogni hora
Cor gentil che s’innamora.

Penar lungo e gioir corto,
Morir vivo e viver morto,
Spem’ incerta e van desire,
Mercé poca a gran languire,
Falsi risi e veri pianti
È la vita degli amanti.

Neve al sol e nebbia al vento,
E d’Amor gioia e contento,
Degli affanni e delle pene
Ahi che ’l fin già mai non viene,
Giel di morte estingue ardore
Ch’in un’alma accende amore.

Ben soll’io che ’l morir solo
Può dar fine al mio gran duolo,
Né di voi già mi dogl’io
Del mio stato acerbo e rio;
Sol Amor tiranno accuso,
Occhi belli, e voi ne scuso.



Giles Farnaby (c1563-1640): The Old Spagnoletta (dal Fitzwilliam Virginal Book).



Bernardo Storace (c1637-c1707): Aria sopra la Spagnoletta, da Selva di varie compositioni d’intavolatura per cimbalo et organo (Venezia 1664). Matteo Imbruno all’organo della Oude Kerk di Amsterdam.

Una chanson di Gentian


Di Gentian, attivo intorno alla metà del Cinquecento, non si sa pressoché nulla; con il suo nome ci sono pervenute una ventina di chansons, quasi tutte pubblicate da Attaingnant. Di Je suis Robert ho trovato in rete queste due interpretazioni: a voce sola e liuto, eseguita da Valéry Sauvage; e a quattro voci, quelle del formidabile Ensemble «Clément Janequin».


Je suis Robert, Robert, le beau Robert,
Qui la brunette tant aimoit.


Ne scauroit on trouver un messagier en France
Qui se voulust aller au jardin de plaisance
Dire à Robert, Robert, le beau Robert,
Que la brunette se mouroit.


Je suis Robert…


Quand Robert eust oui la certaine nouvelle
Il a bridé Moreau et luy a mis la selle,
Picqua des é- des éperons jolis,
Pour la brunette secourir.


Je suis Robert…


Quand Robert fust entré au milieu de la ville
Il a oui chanter l’alouette jolie
Qui en son chant, son joli chant disoit
Que la brunette guérissoit.


Je suis Robert, Robert, le beau Robert,
Qui la brunette tant aimoit.