Ripensando Medea

Jacob Druckman (1928 - 24 maggio 1996): Prism per orchestra (1980). New York Philharmonic Orchestra, dir. Zubin Mehta.
I tre movimenti di Prism utilizzano temi tratti da lavori teatrali del passato incentrati sul mito di Medea: rispettivamente la tragédie-lyrique Médée (1693) di Marc-Antoine Charpentier, il dramma per musica Il Giasone (1649) di Francesco Cavalli e l’opéra-comique Médée (1797) di Luigi Cherubini.

I. After Marc-Antoine Charpentier
II. After Francesco Cavalli [4:41]
III. After Luigi Cherubini [14:17]


JD

Concerto romantico – III

Joseph Marx (1882 – 3 settembre 1964): Concerto in mi maggiore per pianoforte e orchestra, Romantisches Klavierkonzert (1919–20). Jorge Bolet, pianoforte; New York Philharmonic, dir. Zubin Mehta.

I. Lebhaft (Allegro moderato)
II. Nicht zu langsam (Andante affettuoso) [17:40]
III. Seht lebhaft (Allegro molto) [27:32]


Joseph Marx

La Ballerina e il Moro


Joseph Lanner (12 aprile 1801 – 14 aprile 1843): Steyrische Tänze op. 165 (1841). Nexus Quartett Wien: Anne Harvey-Nagl e Kristin Koblitz, violini; Kurt Hintermayr, viola; Doris Muthspiel, violoncello.



J. Lanner: Die Schönbrunner, valzer op. 200. Berliner Symphoniker, dir. Robert Stolz.


Temi tratti da queste due composizioni di Lanner sono stati utilizzati da Stravinskij nel balletto Petruška (1911), quadro III n. 3: «Valzer della Ballerina e del Moro».


New York Philharmonic, dir. Leonard Bernstein.


Die Schönbrunner

Capriccioso


Camille Saint-Saëns (1835 – 1921): Introduction et Rondo capriccioso in la minore per violino e orchestra op. 28 (1863). Itzhak Perlman, violino; New York Philharmonic orchestra, dir. Zubin Mehta.



Lo stesso brano nella trascrizione per due pianoforti di Claude Debussy. Jean-François Heisser e Georges Pludermacher.


Saint-Saëns


DebussyClaude Debussy
1862-1918