Gran tarantella


Louis Moreau Gottschalk (8 maggio 1829-1869): Grande Tarantelle op. posth. 67 (1868), versione per pianoforte e orchestra ricostruita da Hershy Kay. Reid Nibley, pianoforte; Utah Symphony Orchestra, dir. Maurice Abravanel.


Gottschalk, op. 67

Annunci

Giddy-up!

Oggi è il 4 luglio e, come ogni anno, Cap’s Blog propone l’ascolto di qualcosa di spiccatamente americano.
Questa volta si tratta di un celebre minstrel song di Stephen Foster e della sua trasfigurazione in una quasi altrettanto famosa composizione pianistica di Louis Moreau Gottschalk. Di ambedue si trovano in rete interpretazioni differenti: ho scelto, per il primo, un gustoso arrangiamento per coro misto accompagnato dal suono di un banjo e, per la seconda, la performance di Cory Hall che, facendo risuonare distintamente ogni nota, riesce a trasformare il proprio pianoforte in un accettabile succedaneo di un banjo.


Stephen Collins Foster (4 luglio 1826-1864): Gwine to Run All Night, or De Camptown Races (1850). Robert Shaw Chorale.

De Camptown ladies sing dis song — Doo-dah! doo-dah!
De Camptown race-track five miles long — Oh! doo-dah day!
I come down dah wid my hat caved in — Doo-dah! doo-dah!
I go back home wid a pocket full of tin — Oh! doo-dah day!

  Gwine to run all night!
  Gwine to run all day!
  I’ll bet my money on de bob-tail nag—
  Somebody bet on de bay.

De long tail filly and de big black hoss,
Dey fly de track and dey both cut across.
De blind hoss sticken in a big mud hole
Can’t touch bottom wid a ten foot pole.

  Gwine to run all night…

Old muley cow come on to de track,
De bob-tail fling her ober his back.
Den fly along like a rail-road car
Runnin’ a race wid a shootin’ star.

  Gwine to run all night…

See dem flyin’ on a ten mile heat,
Round de race track, den repeat.
I win my money on de bob-tail nag,
I keep my money in an old tow-bag.

  Gwine to run all night!
  Gwine to run all day!
  I’ll bet my money on de bob-tail nag—
  Somebody bet on de bay.


Louis Moreau Gottschalk (1829-1869): The Banjo, «Grotesque Fantasie – An American Sketch» op. 15 (1853). Cory Hall, pianoforte.


Gottschalk, The Banjo, frontespizio


Gottschalk non è l’unico musicista statunitense “colto” che abbia tratto ispirazione dal minstrel song di Foster, citato anche, per esempio, da Charles Ives nel Finale della sua Seconda Sinfonia.
Oltre che su Wikipedia (versione inglese), alcune interessanti osservazioni a proposito di De Camptown Races si possono leggere qui.

Union

Louis Moreau Gottschalk (1829-1869): Union, paraphrase de concert op. 48 (1862). Keane Southard, pianoforte.
Centocinquant’anni fa, il 9 aprile 1865, con la resa del generale Lee a Appomattox si concludeva la guerra civile americana. Altri famosi eventi bellici del passato saranno ricordati musicalmente nel corso del 2015 in questo blog: l’entrata in guerra dell’Italia il 24 maggio 1915, le battaglie di Waterloo (18 giugno 1815), di Marignano (13-14 settembre 1515) e di Azincourt (25 ottobre 1415).

Gottschalk - Union