Contre les ennemis de la France


Claude Debussy (1862-1918): En blanc et noir, suite per due pianoforti (1915). Katia e Marielle Labèque.
I. Avec emportement (dedicato a Serge Koussevitzky)
II. Lent. Sombre (dedicato a Jacques Charlot) [a 3:59]
III. Scherzando (dedicato a Igor’ Stravinskij) [a 10:36]


En blanc et noir II

Annunci

Sacre a quattro mani


Igor’ Fëdorovič Stravinskij (1882-1971): Le Sacre du printemps trascritto dall’autore per pianoforte a 4 mani (1914). Vladimir Aškenazi e Andrej Gavrilov.

1er tableau: L’adoration de la terre
– Introduction
– Augures printaniers — Danses des adolescentes [a 3:58]
– Jeu du rapt [a 7:19]
– Rondes printanières [a 8:30]
– Jeu des cités rivales [a 12:22]
– Cortège du Sage [a 14:02]
– L’Adoration de la Terre (Le Sage) — Danse de la terre [a 14:40]

2nd tableau: Le sacrifice
– Introduction [a 16:15]
– Cercles mystérieux des adolescentes [a 20:44]
– Glorification de l’élue [a 24:14]
– Évocation des ancêtres [a 25:38]
– Action rituelle des ancêtres [a 26:17]
– Danse sacrale [a 29:44]

Capriccio

Igor’ Stravinskij (1882-1971): Capriccio per pianoforte e orchestra (1929). Carlos Roque Alsina, pianoforte; Orchestre Philharmonique de France, dir. Ernest Bour (Parigi, 12 novembre 1975).

I. Presto
II. Andante rapsodico [a 6:20]
III. Allegro capriccioso ma tempo giusto [a 11:05]

Opus 23

Fryderyk Chopin (1810-1849): Ballata n. 1 in sol minore op. 23 (?1835). Arthur Rubinstein, pianoforte.

Schumann definì la prima Ballata di Chopin «una delle sue opere più selvagge e caratteristiche». Rattalino osserva che questa composizione «significò nel mondo musicale del 1836 la comparsa di un’inaudita violenza barbarica, che può essere paragonata alla comparsa del “barbaro” Strawinsky nel mondo musicale del 1913» (anno della prima rappresentazione del Sacre du printemps). La parte centrale della Ballata «è una delle concezioni più sublimi di Chopin: non è uno sviluppo di tipo beethoveniano dal momento che consiste soprattutto in varianti e improvvisazioni che nascono sul pianoforte, è uno “svolgimento chopiniano” che consiste nel trasformare il clima, l’atmosfera di un tema rendendolo epico da lirico che era, ma ciò nonostante mantiene intatta la “funzione” che lo sviluppo beethoveniano ha nell’economia della composizione» (G. Belotti).

Un quodlibet irriverente


Peter Schickele (1935): Eine kleine Nichtmusik (1977).

Provate a riconoscere tutte le composizioni citate, oltre ovviamente alla serenata quasi omonima (K525) di Mozart. Se non ci riuscite, qui sotto sono elencate in ordine di apparizione 😀

I movimento
– Anonimo: Turkey in the Straw [a 0:06]
– Liszt: Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 [a 0:29]
– Brahms: Sinfonia n. 3 [a 0:32]
– Mozart: duetto «Là ci darem del mano» dal Don Giovanni [a 0:39]
– Mozart: Concerto per pianoforte n. 23 [a 0:46]
– Mozart: «Voi che sapete» dalle Nozze di Figaro [a 0:53]
– Anonimo: Canto dei battellieri del Volga [a 0:58]
– Anonimo: D’ye ken John Peel? (canzone tradizionale inglese) [a 1:17]
– Mozart: Sinfonia n. 1 [a 1:25]
– Anonimo: El jarabe tapatio [a 1:33]
– Mozart: «Voi che sapete» dalle Nozze di Figaro [a 1:40]
– Rachmaninov: Concerto per pianoforte n. 2 [a 1:47]
– Sousa: The Thunderer [a 2:11]
– Beethoven: Sinfonia n. 7 [a 2:14]
– Mozart: Sinfonia n. 41 (Jupiter) [a 2:32]
– Dvořák: Sinfonia n. 9 (Dal Nuovo Mondo) [a 2:37]
– Brahms: Sinfonia n. 3 [a 2:40]
– Brahms: Sinfonia n. 4 [a 2:50]
– Händel: «For Unto Us a Child Is Born» dal Messiah [a 3:03]
– Beethoven: Sinfonia n. 5 [a 3:13]
– Emmett: I wish I was in Dixie [a 3:23]
– Šostakovič: Sinfonia n. 9 [a 3:35]
– Čajkovskij: «Marcia» dallo Schiaccianoci [a 3:44]

II movimento
– Foster: Jeannie with the light brown hair [a 4:01]
– Čajkovskij: Nur wer die Sehnsucht kennt [a 4:38]
– Anonimo: Mary had a little lamb (canzoncina infantile) [a 4:52]
– Čajkovskij: scena dal Lago dei cigni [a 5:07]
– Beethoven: Concerto per pianoforte n. 3 [a 5:20]
– Rimskij-Korsakov: Shahrazad [a 5:20]
– Mendelssohn: Frühlingslied, n. 6 dei Lieder ohne Worte op. 62 [a 5:33]
– Brahms: Sinfonia n. 4 [a 5:40]
– Anonimo: Auld Lang Syne [a 5:53]
– Verdi: «Vedi, le fosche notturne spoglie» dal Trovatore [a 6:16]
– Wagner: Tristan und Isolde [a 6:31]
– Anonimo: Alouette (canzoncina infantile) [a 6:48]
– Tema B-A-C-H (sib-la-do-si) [a 7:04]
– Rachmaninov: Concerto per pianoforte n. 2 [a 7:12]

III movimento
– Anonimo: Here We Go Loopty Loo (canzoncina infantile) [a 7:53]
– Beethoven: Sinfonia n. 5 [a 8:14]
– Von Tilzer: Take Me Out to the Ball Game (inno ufficioso del baseball negli Stati Uniti) [a 8:36]
– Musorgskij: scena dell’incoronazione da Boris Godunov [a 8:55]
– Anonimo: Oh, Dear, What Can the Matter Be? (canzoncina infantile) [a 9:12]
– Rimskij-Korsakov: Shahrazad [a 9:23]

IV movimento
– Foster: Oh, Susanna [a 9:56]
– Rossini: galop dalla sinfonia del Guillaume Tell [a 10:11]
– Schubert: Marcia militare [a 10:15]
– Franck: Sinfonia in re minore [a 10:19]
– Sullivan: «Miya sama» dal Mikado [a 10:19]
– Grieg: «Nell’antro del re della montagna» da Peer Gynt [a 10:23]
– Musorgskij: Boris Godunov [a 10:26]
– Anonimo: Ah!, vous dirai-je, maman (canzoncina infantile) [a 10:32]
– Franck: Sinfonia in re minore [a 10:36]
– Anonimo: Old Black Joe (canto tradizionale) [a 10:44]
– Mozart: Sinfonia n. 29 [a 10:50]
– Stravinskij: dal finale di Pétrouchka [a 10:55]
– Humperdinck: Hänsel und Gretel [a 11:03]
– Offenbach: «Galop enfernal» da Orphée aux enfers [a 11:07]
– Schumann: Sinfonia n. 1 (Frühlingssymphonie) [a 11:11]
– Anonimo: Travadja La Moukère [a 11:15]
– Musorgskij: «La Grande Porta di Kiev» dai Quadri da un’esposizione [a 11:19]
– Beethoven: Sinfonia n. 5 [a 11:20]
– R. Strauss: Till Eulenspiegels lustige Streiche [a 11:30]


Peter Schickele è il compositore e musicologo statunitense divenuto celebre per aver riscoperto la figura e il lascito musicale di P.D.Q. Bach, ventunesimo figlio del Kantor di Lipsia. Credo che ne sentirete parlare ancora.

Peter Schickele