Se l’aura spira

Girolamo Frescobaldi (13 settembre 1583 – 1643): Se l´aura spira tutta vezzosa, dal Primo Libro d’arie musicali (1630). Alice Borciani, soprano; Sabine Stoffer, violino barocco; Maria Ferré, tiorba; Magdalena Hasibeder, organo.

Se l’aura spira tutta vezzosa
La fresca rosa ridente sta.
La siepe ombrosa di bei smeraldi
D’estivi caldi timor non ha.
A balli liete venite ninfe
Gradite fior di beltà
Orché sì chiaro il vago fonte
Dall’alto monte al mar s’en va.
Miei dolci versi spiega l’augello
E l’arboscello fiorito sta.
Un volto bello ha l’ombra accanto
Sol si dia vanto d’aver pietà.
Al canto ninfe ridenti
Scacciate i venti di crudeltà.


Se l'aura spira

Annunci

La Gualterina e la Cornera

Girolamo Frescobaldi (13 settembre 1583-1643): Canzona nona detta la Gualterina a due canti (dal Primo libro delle canzoni, 1628).

A 3:10: Biagio Marini (1587-1663): La Cornera, sinfonia a 2 (dagli Affetti musicali, 1617).

Ensemble Reversio

Per alcuni anni la Gualterina servì quale “sigla” per l’inizio delle trasmissioni in radiostereofonia del V canale della Filodiffusione Rai.

La frescobalda

Girolamo Frescobaldi (1583-1643): Aria detta La frescobalda, dal II Libro di toccate (1627). Simone Stella all’organo di Domenico di Lorenzo da Lucca della Basilica della SS. Annunziata in Firenze.
Il brano ha un posto particolare nella storia della musica in quanto si tratta del più antico esempio noto di variazioni sopra un tema originale.

Aria detta La frescobalda
Oggi è il compleanno di Simone Stella: auguri!