Allegro ma poco – Andante ma poco – Allegro

Antonio Vivaldi (1678 - 1741): Concerto in si bemolle maggiore per violino, archi e basso continuo RV 367. Alessandro Tampieri, violino; Accademia Bizantina, dir. Ottavio Dantone.

  1. Allegro ma poco
  2. Andante ma poco [6:02]
  3. Allegro [9:09]

Non è di Vivaldi

Anonimo (sec. XVIII): Concerto in sol maggiore per violoncello e archi. Christophe Coin, violoncello; L’Onda Armonica.

I. Allegro
II. Siciliana [2:56]
III. Alla breve [6:17]

Fino a relativamente poco tempo fa questo concerto era attribuito a Vivaldi e perciò inserito nel Répertoire Vivaldi (RV), il catalogo delle composizioni del maestro veneziano compilato da Peter Ryom, con il numero 415; studi recenti hanno appurato che si tratta di un’opera spuria, ragion per cui oggi nel RV figura come Anh. 146.


Non è di Vivaldi

RV 522 & BWV 593

Antonio Vivaldi (1678 - 28 luglio 1741): Concerto in la minore per 2 violini, archi e continuo op. 3 (L’estro armonico, 1711) n. 8, RV 522. Ensemble Tafelmusik, dir. Jeanne Lamon.

I. Allegro
II. Larghetto e spiritoso [3:21]
III. Allegro [6:15]


RV 522


Johann Sebastian Bach (1685 - 28 luglio 1750): Concerto in la minore per organo BWV 593, da Vivaldi. Simon Preston.

I. (Allegro)
II. Adagio [4:28]
III. Allegro [8:33]


BWV 593

316a & 975


Antonio Vivaldi (1678 – 28 luglio 1741): Concerto in sol minore per violino, violoncello, archi e basso continuo op. 4 (La Stravaganza) n. 6 RV 316a. Concerto Italiano, dir. Rinaldo Alessandrini.



Johann Sebastian Bach (1685 – 28 luglio 1750): Concerto in sol minore per clavicembalo BWV 975, da Vivaldi. Hans Ludwig Hirsch.


BWV 975

Nulla in mundo pax sincera

Antonio Vivaldi (4 marzo 1678 – 1741): Nulla in mundo pax sincera, mottetto per soprano, due violini, viola e basso continuo RV 630. Emma Kirkby, soprano; Academy of Ancient Music, dir. Christopher Hogwood.

Aria

Nulla in mundo pax sincera
sine felle; pura et vera,
dulcis Jesu, est in te.

Inter poenas et tormenta
vivit anima contenta
casti amoris sola spe.

Recitativo

Blando colore oculos mundus decepit
at occulto vulnere corda conficit;
fugiamus ridentem, vitemus sequentem,
nam delicias ostentando arte secura
vellet ludendo superare.

Aria

Spirat anguis
inter flores et colores
explicando tegit fel.
Sed occulto factus ore
homo demens in amore
saepe lambit quasi mel.

Alleluia.


RV 630