Concertino – XIV

Władysław Szpilman (1911 - 6 luglio 2000): Concertino per pianoforte e orchestra, composto nel Ghetto di Varsavia nel 1940. Eseegue l’autore con l’Orchestra della Radio polacca (Polska orkiestra radiowa), dir. Stefan Rachon; registrazione del 1972.


Concertino – XIII

Giancarlo Facchinetti (1936 - 2017): Concertino per chitarra e archi op. 211 (2008). Giulio Tampalini, chitarra; membri dell’Orchestra da camera di Brescia.

  1. Allegro
  2. Andante
  3. Allegro vivace

Elegia per Philip Sidney

William Byrd (c1540 - 4 luglio 1623): Come to me, grief, for ever a 5 voci (pubblicato in Psalms, sonnets, and songs of sadness and piety to five parts, 1588, n. 34). Versione per canto e consort di viole: Emily van Evera, soprano; The Musicians of Swanne Alley.

Come to me, grief, for ever,
Come to me tears day and night,
Come to me plaint, ah helpless,
Just grief, heart tears, plaint worthy.

Go from me dread to die now
Go from me care to live more,
Go from me joys all on earth,
Sidney, O Sidney is dead.

He whom the Court adorned,
He whom the country courtesied,
He who made happy his friends,
He that did good to all men.

Sidney, the hope of lands strange,
Sidney, the flower of England,
Sidney, the spirit heroic,
Sidney id dead, O dead.

Dead? no, no, but renowed
With the anointed one,
Honour on earth at his feet,
Bliss everlasting his seat.

Come to grief for ever
Come to me tears day and night,
Come to me plaint, ah helpless,
Just grief, heart tears, plaint worthy.

Di sir Philip Sidney (1554 - 1586), una delle menti più brillanti dell’Inghilterra elisabettiana, ci eravamo già occupati tempo fa (qui) ricordando la sua intensa storia d’amore con Penelope Devereux.


William Byrd è un altro dei compositori senza i quali la mia vita sarebbe stata diversa. Altre sue composizioni in questo blog:

In terra aliena

Philippe de Monte (1521 - 4 luglio 1603): Super flumina Babylonis, mottetto per doppio coro a 8 voci sul testo del Salmo 137 (modificato). The Sixteen, dir. Harry Christophers.

Super flumina Babylonis illic sedimus et flevimus dum recordaremur tui, Sion.
Illic interrogaverunt nos qui captivos abduxerunt nos verba cantionum.
Quomodo cantabimus canticum Domini in terra aliena?
In salicibus in medio ejus suspendimus organa nostra.


Una Suite di Janáček

Leoš Janáček (3 luglio 1854 - 1928): Suita per archi (1877). New York Classical Players, dir. Dongmin Kim.

  1. Moderato [0:30]
  2. Adagio [3:59]
  3. Andante con moto [7:40]
  4. Presto [8:53]
  5. Adagio [12:03]
  6. Andante [16:20]

Janáček sarà probabilmente ignoto ai più. Per me è uno dei compositori fondamentali. Consiglio di ascoltare questa Suite, opera giovanile, in tranquilla solitudine al calar della sera 🙂


Altre composizioni di Leoš Janáček in questo blog: