Symphonietta

Paul Graener (11 gennaio 1872 – 1944): Symphonietta per archi e arpa op. 27 (1908). Münchner Rundfunkorchester, dir. Alun Francis.
La Symphonietta di Graener si evolve in un unico movimento, con le seguenti indicazioni agogiche: Adagio – All[e]gretto amabile (sol maggiore) – A tempo, ma un poco meno mosso – A tempo (re maggiore) – Tranquillo – Tempo I (do diesis minore) – Wie ein Schlummerlied (do maggiore) – Lento – Tempo I (sol maggiore) – Poco a poco meno mosso – Lento (mi minore) – Schwebend – Feierlich (mi maggiore).


Graener, op. 27

Annunci

Oration

Frank Bridge (1879 – 10 gennaio 1941): Oration, concerto elegiaco per violoncello e orchestra H 180 (1929-30). Alban Gerhardt, violoncello; BBC National Orchestra of Wales, dir. Richard Hickox.
I movimenti si succedono senza soluzione di continuità: Poco lento – Lento e ritmico – Allegro – Ben moderato (poco lento) – Poco lento – Allegro giusto – Tranquillo – Ben moderato, mesto e tranquillo – (cadenza) – Allegro – Lento – Epilogue: Andante tranquillo.


Impressioni


Thomas Schmidt-Kowalski (1949 – 5 gennaio 2013): Impressionen in sol minore per orchestra d’archi op. 101. Leipziger Symphonieorchester diretto dall’autore.

I. Andante con moto
II. Scherzo: Allegro con brio [a 6:18]
III. Intermezzo [a 8:15]
IV. Scherzo da capo [a 9:20]
V. Finale: Adagio [a 11:04]