Partire è un po’ morire? – II

Cipriano de Rore (1515 o 1516 - 1565): Ancor che col partire, madrigale a 4 voci (pubblicato nel Primo libro di madrigali a quatro voci di Perissone Cambio con alcuni di Cipriano Rore, 1547); testo di Alfonso d’Avalos. Ensemble Qvinta Essençia: Elia Casanova, soprano; Hugo Bolívar, controtenore; Albert Riera, tenore; Pablo Acosta Martínez, basso.

Ancor che col partire
io mi sento morire,
partir vorrei ogn’ hor, ogni momento:
tant’ il piacer ch’io sento
de la vita ch’acquisto nel ritorno:
et cosi mill’ e mille volt’ il giorno
partir da voi vorrei:
tanto son dolci gli ritorni miei.


Riccardo Rognoni (c1550 - c1620): Ancor che col partire, variazioni strumentali sul madrigale di Rore. Becky Baxter, arpa; Michael Leopold, tiorba; Annalisa Pappano, viola da gamba.


Altre composizioni di Cipriano de Rore in questo blog:

La Soave Melodia e la sua Corrente

Andrea Falconiero o Falconieri (c1585 - 29 luglio 1656): La Suave Melodia e Su Corrente, dal I Libro di canzone, sinfonie, fantasie… (1650). La Musa Armonica: Lina Manrique, viola da gamba; Parsival Castro, tiorba; Diogo Rodrigues, chitarra barocca.


Altre composizioni di Andrea Falconiero in questo blog:

Elegia per Philip Sidney

William Byrd (c1540 - 4 luglio 1623): Come to me, grief, for ever a 5 voci (pubblicato in Psalms, sonnets, and songs of sadness and piety to five parts, 1588, n. 34). Versione per canto e consort di viole: Emily van Evera, soprano; The Musicians of Swanne Alley.

Come to me, grief, for ever,
Come to me tears day and night,
Come to me plaint, ah helpless,
Just grief, heart tears, plaint worthy.

Go from me dread to die now
Go from me care to live more,
Go from me joys all on earth,
Sidney, O Sidney is dead.

He whom the Court adorned,
He whom the country courtesied,
He who made happy his friends,
He that did good to all men.

Sidney, the hope of lands strange,
Sidney, the flower of England,
Sidney, the spirit heroic,
Sidney id dead, O dead.

Dead? no, no, but renowed
With the anointed one,
Honour on earth at his feet,
Bliss everlasting his seat.

Come to grief for ever
Come to me tears day and night,
Come to me plaint, ah helpless,
Just grief, heart tears, plaint worthy.

Di sir Philip Sidney (1554 - 1586), una delle menti più brillanti dell’Inghilterra elisabettiana, ci eravamo già occupati tempo fa (qui) ricordando la sua intensa storia d’amore con Penelope Devereux.


Il capitano Hume e il tabacco

Tobias Hume (c1569 - 1645): Tobacco, ayre (da The First Part of Ayres or Musicall Humors, 1605, n. 3). Paul Hillier, baritono; Jordi Savall, viola da gamba.

Tobacco, tobacco,
  Sing sweetly for tobacco!
Tobacco is like love,
  O love it.
For you see I will prove it.

Love maketh lean the fat men’s tumour,
  So doth tobacco.
Love still dries up the wanton humour,
  So doth tobacco.
Love makes men sail from shore to shore,
  So doth tobacco.
’Tis fond love often makes men poor
  So doth tobacco.
Love makes men scorn all coward fears,
  So doth tobacco.
Love often sets men by the ears,
  So doth tobacco.

Tobacco, tobacco,
  Sing sweetly for tobacco!
Tobacco is like love,
  O love it.
For you see I have proved it.


Hornpipes

Hugh Aston (c1485 - 1558): A Hornepype (1522). Elisabeth Chojnacka, clavicembalo.

Con il termine hornpipe si indica un gruppo di forme di danza diffusesi nelle isole britanniche a partire dal XVI secolo; il più antico documento inglese relativo alla hornpipe è costituito appunto da questa composizione di Aston.


Una famosa hornpipe tradizionale, risalente al XVIII secolo, è la Sailor’s Hornpipe (nota anche come College Hornpipe), qui eseguita da Eduardo Antonello e i suoi Doppelgänger con un clavicembalo, due viole da gamba e una melodica 🙂


Aston, Hornepype