Calleno custure me

Anonimo (isole britanniche, XVI secolo): Calleno custure me. Alfred Deller, controtenore; Desmond Dupré, liuto.

When as I view your comely grace
  Calleno custure me,
Your golden hairs, your angel’s face,
  Calleno custure me.

Your azure veins much like the skies
Your silver teeth, your crystal eyes.

Your coral lips, your crimson cheeks
That gods and men both love and leeks.

My soul with silence moving sense
Doth wish of God with reverence.

Long life and virtue you possess
To match the gifts of worthiness.


Il verso ricorrente che dà titolo alla composizione è probabilmente un adattamento alla pronuncia inglese della frase in gaelico irlandese Cailín ó chois tSiúre mé, ossia « Sono una ragazza delle rive del Suir » (fiume che sfocia nell’Atlantico in prossimità di Waterford): la frase compare quale titolo di una composizione per arpa in un testo poetico irlandese del XVII secolo.
La più antica fonte nota della melodia (priva di testo) è il William Ballet’s Lute Book, una raccolta manoscritta di composizioni intavolate per liuto, risalente al tardo Cinquecento e conservata nella Biblioteca del Trinity College di Dublino. Qui il brano è interpretato da Dorothy Linell:


La melodia è stata rielaborata da William Byrd (c1540 - 1623) in una breve ma saporita serie di variazioni per strumento a tastiera, tramandataci dal Fitzwilliam Virginal Book con il titolo Callino Casturame (n. [CLVIII]). YouTube ne offre numerose interpretazioni: ho scelto quelle di David Clark Little al virginale e Lorenzo Cipriani all’organo.



Resta da segnalare che Caleno custure me figura spesso nelle antologie di musiche scespiriane: è infatti citata nell’Enrico V (atto IV, scena 4a) in un gioco di parole che oggi suona alquanto insulso, ma che testimonia la popolarità della canzone all’epoca del Bardo.
La scena si svolge prima della battaglia di Azincourt: Pistol, vecchio compagno di bagordi del re, sorprende un soldato francese, Le Fer, infiltratosi fra le linee inglesi. Temendo che l’altro voglia ammazzarlo, il francese tenta di blandirlo parlandogli nella propria lingua:
« Je pense que vous êtes gentilhomme de bonne qualité. »
Non riuscendo a comprendere nemmeno una sillaba, Pistol risponde scimmiottando la parlata di Le Fer, il suono delle cui parole evidentemente gli rammenta il titolo della nostra canzone:
« Qualtitie calmie custure me!  »
Gli fa insomma il verso, una specie di “gnagnagnà gnagnagnà” ma più raffinato 🙂
Le Fer poi si accorda con Pistol, che in cambio di duecento scudi lo lascia libero.

Ahi!

Ninot le Petit (attivo fra il 1500 e il 1520): Mon amy m’avoit promis, chanson a 4 voci (pubblicata nell’antologia petrucciana Harmonice Musices Odhecaton, Canti C, 1504). Ensemble «Clément Janequin».

Mon amy m’avoit promis
Une si belle chainture.
Il ne me l’a poinct donnée:
Il me l’a bien chier vendue.
«Ay ay ay», dist Marion,
«Vous mi deschirez mon plichon.»


L’interpretazione dell’Ensemble «Janequin» è memorabile. YouTube ne propone anche un’altra, sempre del medesimo ensemble, registrata durante un concerto. Qui, però, i nostri amici si lasciano prendere un po’ la mano. Giudicate voi.

En fais et dictz, en chansons et accords

Claudin de Sermisy (c1490 - 1562): Tant que vivray, chanson a 4 voci (pubblicata nella raccolta Chansons nouvelles, 1527) su testo di Clément Marot (L’Adolescence clémentine, Chanson XII). Ensemble «Clément Janequin».

Tant que vivray en âge florissant,
Je serviray d’Amour le dieu [roy] puissant,
En fais et dictz, en chansons et accords.
Par plusieurs jours m’a tenu languissant,
Mais apres dueil m’a faict resjouyssant,
Car j’ay l’amour de la belle au gent corps.
Son alliance
Est ma fiance:
Son cueur est mien,
Mon cueur est sien;
Fy de tristesse,
Vive lyesse,
Puis qu’en amour a tant de bien.

Quand je la veulx servir et honnorer,
Quand par escriptz veulx son nom décorer,
Quand je la veoy et visite souvent,
Les envieulx n’en font que murmurer,
Mais nostre amour n’en sçauroit moins durer:
Aultant ou plus en emporte le vent.
Maulgré envie
Toute ma vie
Je l’aymeray,
Et chanteray:
C’est la première,
C’est la dernière,
Que j’ay servie et serviray.


Altre composizioni di Claudin de Sermisy in questo blog:

T’aimeroy volontiers

Claude Le Jeune (c1530 - 1600): Brunelette, joliette, m’amourette, chanson a 5 voci (pubblicata postuma nella raccolta Le Printemps, 1603). Ensemble Doulce Mémoire, dir. Denis Raisin-Dadre.

Brunelette, joliette, m’amourette, mon tout,
Tu m’as émé pour un tans,
Et puis tu m’as quité la,
Je ne sait la raison.

  Si tu veus je t’aimeray,
  Sinon je te dezémeray:
  Emér je puis de bon gré
  Contre gré ne puis émér.

Brunelette, joliette, m’amourette, mon tout,
Tu as et grac’ et beauté,
Je t’aimeroy volontiers,
Si volois me t’aimer.

  Si tu veus je t’aimeray…

Brunelette, joliette, m’amourette, mon tout,
Tu m’as volé de mon cueur,
Et ren-le moy je t’en prî’,
Ou m’aseure ton cueur.

  Si tu veus je t’aimeray…

Brunelette, joliette, m’amourette, mon tout,
Si veus le tien me baillér,
Retien le mien il est tien,
Qui n’a cœur ne vit pas.

  Si tu veus je t’aimeray…

Brunelette, joliette, m’amourette, mon tout,
Tu vois, tu m’ois, tu m’entens:
Je veus ton aiz’ et mon bien,
Et je hay le tourment.

  Si tu veus je t’aimeray…

Brunelette, joliette, m’amourette, mon tout,
Ne pense plus m’abuzant
Me marteler le cerveau
D’amour enjalouzés.

  Si tu veus je t’aimeray…



Altre composizioni di Claude Le Jeune in questo blog:

Partire è un po’ morire?

John Dowland (1563 - 1626): Now, O Now I Needs Must Part, ayre (*), pubblicato nel First Booke of Songes or Ayres of foure partes with Tableture for the Lute (1597, n. 6). Les Canards Chantants: Sarah Holland, soprano; Robin Bier, contralto; Edd Ingham, tenore; Graham Bier, basso. Con Jacob Heringman, liuto.

Now, o now I needs must part,
Parting though I absent mourn.
Absence can no joy impart:
Joy once fled cannot return.

While I live I needs must love,
Love lives not when Hope is gone.
Now at last Despair doth prove,
Love divided loveth none.

Sad despair doth drive me hence;
This despair unkindness sends.
If that parting be offence,
It is she which then offends.

Once the world moved not so fast,
Yet the journey sweeter seemed.
Now I see you rushing past,
No more time to stay and dream.

Dear when I from thee am gone,
Gone are all my joys at once,
I lov’d thee and thee alone,
In whose love I joyed once.

And although your sight I leave,
Sight wherein my joys do lie,
Till that death doth sense bereave,
Never shall affection die.

Dear, if I do not return,
Love and I shall die together.
For my absence never mourn
Whom you might have joyed ever;

Part we must though now I die,
Die I do to part with you.
Him despair doth cause to lie
Who both liv’d and dieth true.

(La quartina in corsivo non fa parte del testo originale: è un’interpolazione dei Canards Chantants, ideata appositamente per questo videoclip.)


(*) Per ayre si intende un genere musicale fiorito in Inghilterra tra la fine del Cinquecento e la terza decade del secolo successivo. L’ayre è un brano a più voci (solitamente quattro) con ac­com­pa­gna­mento di liuto; ciò che lo distingue dalle composizioni congeneri del periodo precedente è il fatto che alla voce più acuta è affidata una parte spiccatamente melodica, sul modello della «monodia accompagnata» italiana e dell’air de cour francese. Gli interpreti hanno dunque la possibilità di eseguire un ayre o secondo tradizione, con tutte le parti vocali e con l’ac­com­pa­gna­mento del liuto ad libitum, oppure seguendo la moda dell’epoca, cioè con il canto della sola parte più acuta sostenuto dal liuto. In quest’ultimo caso, al liuto spesso si aggiunge una viola da gamba che ha il compito di irrobustire la linea del basso d’armonia.
Per realizzare il loro delizioso video, Les Canards Chantants hanno dunque optato per la versione a 4 voci e liuto; cliccando qui potrete ascoltare interpretazioni differenti per organici diversi, nonché la gagliarda (danza) che Dowland compose sul medesimo tema musicale.

Un’ultima osservazione: nel video dei Canards Chantants è visibile la riproduzione di una doppia pagina del First Booke di Dowland, stampato secondo le consuetudini dell’epoca, cioè disponendo le parti in modo che possano agevolmente essere lette da quattro cantanti seduti intorno a un tavolo; questo tipo di impaginazione è appunto detto “a libro di coro”.


Dowland - Now oh now

Che cos’è dunque l’amore, se non tormento?

Philip Rosseter (1567 o 1568 - 5 maggio 1623): What then is love but mourning?, ayre (1601). Alfred Deller, haute-contre, e Desmond Dupré, liuto (Parigi, 16 dicembre 1972).

What then is love but mourning,
What desire but a selfburning,
Till she that hates doth love return,
 Thus will I mourn,
 Thus will I sing,
Come away, come away my darling.

Beauty is but a blooming,
Youth in his glory entombing,
Time hath a while which none can stay,
 Then come away,
 While thus I sing,
Come away, come away my darling.

Summer in winter fadeth,
Gloomy night heav’nly light shadeth,
Like to the mourn are Venus’ flowers,
 Such are her hours,
 Then will I sing,
Come away, come away my darling.


À la faveur des ombres

Sébastien Le Camus (c1610 - 1677): Laissez durer la nuit, air de cour (pubblicato in XIV. Livre d’airs de différents auteurs à deux parties, 1671); testo attribuito a Henriette de Coligny, comtesse de La Suze et de Coligny (1618 - 1673). Véronique Gens, soprano; Pascal Monteilhet, liuto.

Laissez durer la nuit, impatiente Aurore.​
Elle m’aide à cacher mes secrètes douleurs,
Et je n’ai pas encore assez versé de pleurs.
​Pour ma douleur, hélas!
est-il des nuits trop sombres?
​Depuis que mon berger quitta ce beau séjour,
Ah! Je ne puis souffrir le vif éclat du jour,
Laissez-moi donc pleurer
à la faveur des ombres
Autant que voudra son amour.