Vecchie letrose

Adrian Willaert (1490 - 7 dicembre 1562): Vecchie letrose, frottola (villanella) a 4 voci (pubblicata in Canzone villanesche alla napolitana, 1545, n. 5). La Capella Reial de Catalunya e Hespèrion XXI, dir. Jordi Savall.

Vecchie letrose, non valete niente
Se non a far l’aguaito per la chiazza.
Tira, tira, tir’alla mazza,
Vecchie letrose, scannaros’e pazze!


Di pietà crude e rubelle

Giovan Leonardo Primavera (c1540 - 1585): Tre donne belle, villanella. Renata Fusco, soprano; ensemble Conserto Vago, con Massimo Lonardi, chitarra rinascimentale.

Tre donne belle fanno gran battaglia
Col sole e con la luna e con le stelle,
Ma sono di pietà crude e rubelle.

L’ una fa guerra al sole e già l’ ha vinto,
l’ altra è colei che oscura la luna
e l’ altra è quella che le stelle imbruna.

Misero cielo che privato sei
d’ ogni splendore e in terra iace quella
Che sole e luna è più che chiara stella.

Giove, che fai in cielo che non vieni
A mirar questo sole e questa luna
E questa stella che il tuo sole oscura.