Chichén Itzá

María Teresa Prieto (1896 - 24 gennaio 1982): Chichén Itzá, poema sinfonico (1942). Orquesta de Córdoba, dir. José Luis Temes.

Alle stelle

Henri Duparc (21 gennaio 1848 - 1933): Aux étoiles, «poème nocturne» per orchestra (1874, rev. 1911). Orchestre du Capitole de Toulouse, dir. Michel Plasson.

La lumière sidérale des nuits!
Qui peut savoir les vertus secrètes
de cette lumière si humble, mais
venant de l’immensité?
(Alphonse-Joseph-Auguste Gratry)


Henri Duparc

Icaro – un titolo per far volare la fantasia

Lera Auėrbach (21 ottobre 1973): Icarus, poema sinfonico (2006). The National Youth Orchestra of Great Britain, dir. Mark Wigglesworth.

« The title Icarus was given to this work after it was written. All my music is abstract, but by giving evocative titles I invite the listener to feel free to imagine, to access his own memories, associations. Icarus is what came to my mind, listening to this work at that time. Each time I hear the piece — it is different. What is important to me is that it connects to you, the listener, in the most individual and direct way, that this music disturbs you, moves you, soars with you, stays with you. You don’t need to understand how or why — just allow the music to take you wherever it takes you. It is permissible to daydream while listening or to remember your own past. It is fine not to have any images at all, but simply experience the sound » (Lera Auėrbach).


VLA

L’apu

Gabriela Lena Frank (26 settembre 1972): Apu, poema sinfonico (2017). Lavoro commissionato dal Carnegie Hall per la National Youth Orchestra of the United States of America (NYO-USA), che qui l’esegue sotto la direzione di Marin Alsop.
Gabriela Lena Frank è nata a Berkeley, California, da padre americano di origine ebraica lituana e madre peruviana di origine cinese.
Nelle tradizioni andine, risalenti ai tempi dell’impero incaico, l’apu è uno spirito benigno che protegge coloro che si avventurano sulle montagne.


GLF

Shahrazād

Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov (1844 - 1908): Shahrazād (Шехерезада), suite sinfonica op. 35 (1888). Orchestra filarmonica di San Pietroburgo, dir. Jurij Temirkanov.

I. Il mare e la nave di Sindbad
II. Il racconto del principe Kalender [10:45]
III. Il giovane principe e la giovane principessa [23:40]
IV. Festa a Baghdād – Il mare – Naufragio della nave sulle rocce sormontate da un guerriero di bronzo [33:52]

Come disse una volta il prof. Basso, nessuno è bravo quanto i russi a raccontar fiabe in musica. Da Glinka a Čajkovskij a Prokof’ev, le favole musicali più avvincenti e colorite sono nate sulle rive del Don, della Volga e della Neva. A Rimskij-Korsakov dobbiamo una vasta antologia di miti, leggende e racconti della nonna, russi e no, narrati con vivida fantasia, impreziositi da una vena melodica che pare inesauribile e da una rara maestria nella difficile arte dell’orchestrazione.

Detto questo, se vi è piaciuta Shahrazād nell’interpretazione della Filarmonica di San Pietroburgo non potrete non apprezzare la versione dei fantastici Melodica Men 🙂


NARK (Serov)