Cinque Notturni

Érik Satie (1866 - 1° luglio 1925): Cinq Nocturnes per pianoforte (1919). Pascal Rogé.

I. Doux et calme (à Madame Marcelle Meyer)
II. Simplement (à André Salomon) [3:21]
III. Un peu mouvementé (à Madame Jean Hugo) [5:26]
IV. ♪ = 92 (à Madame la Comtesse Étienne de Beaumont) [8:30]
V. ♩‧ = 54 (à Madame Georges Cocteau) [11:28]


Satierik

Annunci

Notturno – X

Michail Ivanovič Glinka (1° giugno 1804 - 1857): Разлука / La Séparation, notturno in fa minore per pianoforte (1839). Adriano Paolini.


La Séparation

Notturno – IX

Franz Schubert (1797 – 1828): Adagio in mi bemolle maggiore per violino, violoncello e pianoforte op. 148, D 897 (c1828). Augustin Dumay, violino; Frédéric Lodéon, violoncello; Jean-Philippe Collard, pianoforte.
Pubblicato per la prima volta nel 1846 dall’editore viennese Diabelli con il titolo apocrifo di Notturno, probabilmente era stato concepito quale movimento intermedio di una composizione di più ampio respiro – forse il Trio in si bemolle maggiore op. 99, D 898.