Un Magnificat di Fayrfax – II

Robert Fayrfax (23 aprile 1464 – 1521): Magnificat «regale» a 5 voci (c1500). Ensemble The Cardinall’s Musick, dir. Andrew Carwood.
Non è ben chiaro il significato del titolo; si suppone che il Magnificat sia stato composto per il King’s College di Cambridge e che da questo (in latino «Collegium regale») abbia preso nome.


Fayrfax, Magnificat Regale

Annunci

Date palmas nobiles

Georg Friedrich Händel (1685 – 14 aprile 1759): Silete, venti, mottetto per soprano e orchestra HWV 242 (c1724). Emmanuelle de Negri, soprano; Les Arts Florissants, dir. William Christie.


Symphonia: Largo – Allegro


Recitativo accompagnato: Larghetto [2:14]

Silete venti, nolite murmurare frondes,
quia anima mea dulcedine requiescit.


Aria: Andante ma larghetto [5:35]

Dulcis amor, Jesu care,
quis non cupit te amare?
Veni, transfige me!
Si tu feris, non sunt clades:
tuae plagae sunt suaves,
quia totus vivo in te.


Accompagnato [12:43]

O fortunata anima!
O jucundissimus triumphus!
O felicissima laetitia!


Aria: Andante – Allegro – Da capo: Andante [13:15]

Date serta, date flores;
me coronent vestri honores;
date palmas nobiles.
Surgant venti
Et beatae spirent almae fortunatae
Auras coeli fulgidas.


Presto [22:13]

Alleluja


HWV 242

Amaræ morti ne tradas nos

Jacobus de Kerle (c1531 – 7 gennaio 1591): Media vita in morte sumus, mottetto a 6 voci (pubblicato in Selectae quaedam cantiones sacrae, Norimberga 1571). Huelgas Ensemble, dir. Paul van Nevel.

Media vita in morte sumus
Quem quaerimus adjutorem nisi te, Domine?
Qui pro peccatis nostris juste irasceris.

Sancte Deus, Sancte fortis,
Sancte et misericors Salvator,
Amaræ morti ne tradas nos.


Kerle, Media vita

Favus distillans labia tua

Erhard Bodenschatz (1576 – 1636): Quam pulchra es amica mea, mottetto a 5 voci (1603; poi pubblicato nel Florilegium Portense, vol. I, 1618). Vocal Concert Dresden e Cappella Sagittariana Dresden, dir. Peter Kopp.

Quam pulchra es amica mea,
formosa mea;
macula non est in te;
favus distilllans labia tua,
soror, mea sponsa,
et facies tua decora.


Bodenschatz, Quam pulchra es

Videbitis turbam

Agostino Agazzari (2 dicembre 1578 – 1640): Tristis est anima mea, mottetto a 8 voci (da Promp­tua­rii musici Pars Prima, 1611). Vocal Concert Dresden e Cappella Sagittariana Dresden, dir. Peter Kopp.

Tristis est anima mea usque ad mortem;
sustinete hic, et vigilate mecum:
nunc videbitis turbam, quæ circumdabit me.
Vos fugam capietis, et ego vadam immolari pro vobis.

Tristis est anima mea è uno dei due brani di Agazzari inclusi nel Florilegium Portense, ampia silloge di mottetti a 4-8 voci, concepita a uso didattico per il Ginnasio di Schulpforta (monastero cisterciense sito presso Naumburg, in Sassonia-Anhalt). La raccolta – il cui titolo latino significa appunto «Antologia di Pforta» – era stata iniziata da Sethus Calvisius quando dirigeva il coro del Ginnasio, e poi ultimata e data alle stampe dal suo successore Erhard Bodenschatz; nella sua redazione definitiva (2 volumi, 1618 e 1621) comprende in tutto 265 mottetti di autori italiani, tedeschi e franco-fiamminghi. Ha una certa importanza per gli storici della musica in quanto costituì una fonte primaria per i compositori della Chiesa luterana. Nel 1729, a Lipsia, Johann Sebastian Bach acquistò per conto della Chiesa di san Tommaso un esemplare del Florilegium Portense, che fu poi utilizzato nelle varie chiese della città sassone fino al 1793.


Agazzari, Tristis a 8

Come se volassimo via

Sethus Calvisius (Seth Kalwitz; 1556 – 24 novembre 1615): Unser Leben währet siebzig Jahr, mottetto a 8 voci; testo: Salmo LXXXIX (90), versetto 10. Gesine Adler, soprano; Vocalconsort Leipzig, dir. Gregor Meyer; Ensemble NOEMA.

Unser Leben währet siebzig Jahr’,
und wenn es hoch kommt, so sind’s achtzig Jahr’;
und wenn es köstlich gewesen ist,
so ist es Müh’ und Arbeit gewesen;
denn es fähret schnell dahin,
als flögen wir davon.


Calvisius, Unser Leben