Fantasia cromatica e Fuga


Johann Sebastian Bach (1685 - 1750): Chromatische Fantasie und Fuge in re minore BWV 903 (c1717-23). Chiara Massini, clavicembalo, e Andrea Bacchetti, pianoforte.
La Fuga ha inizio rispettivamente a [6:09] e a [7:00]

Per la serie Non solo Scarlatti.


A proposito di soggetti cavati

Nicholas Papadimitriou (1993): The COVID-19 Fugue per pianoforte o organo (2020). Esegue l’autore.
Per soggetto cavato (la denominazione si deve a Gioseffo Zarlino, 1558) si intende un tema musicale ottenuto associando le lettere o le sillabe che formano un nome o una frase a altrettante note musicali; l’associazione può avvenire in vari modi, il più comune considera le sole vocali (per esempio, la sillaba “con” corrisponde a DO, “per” corrisponde a RE, e così via) ma in certi casi sono prese in considerazione anche le consonanti (m = MI, f = FA, eccetera). Il tema così costruito viene poi elaborato in composizioni di vario genere, spesso in architetture contrappuntistiche (fughe, canoni e simili).
Nel caso di COVID-19, Papadimitriou opera le seguenti associazioni:

  • CO, inteso come C° = abbreviazione convenzionale per l’accordo di settima diminuita in base DO, e quindi: DO – MI♭ – SOL♭ – SI♭♭

  • V, inteso come V grado della fondamentale, cioè del DO su cui è costruito l’accordo di cui sopra, e quindi: SOL

  • I, inteso come I grado, e quindi: DO (un’ottava sopra il DO precedente)

  • D = RE (nella notazione altomedievale e in quella anglosassone tuttora vigente)

  • 1, cioè di nuovo il I grado espresso in cifre arabe, e quindi: DO

  • 9, cioè IX della fondamentale e quindi: RE, ma in questo caso RE♭ (avverte l’autore di essersi preso la libertà di usare una 9a minore anziché maggiore).

Sul tema risultante, DO – MI♭ – SOL♭ – SI♭♭ – SOL – DO – RE – DO – RE♭, Papadimitriou elabora una fuga a 4 voci.