Vecchie letrose

Adrian Willaert (1490 - 7 dicembre 1562): Vecchie letrose, frottola (villanella) a 4 voci (pubblicata in Canzone villanesche alla napolitana, 1545, n. 5). La Capella Reial de Catalunya e Hespèrion XXI, dir. Jordi Savall.

Vecchie letrose, non valete niente
Se non a far l’aguaito per la chiazza.
Tira, tira, tir’alla mazza,
Vecchie letrose, scannaros’e pazze!


Chi passa




Filippo Azzaiolo (c1530/40 - p1570): Chi passa per ’sta strada, villotta a 4 voci. Eseguita da: The King’s Singers; Denis Raisin-Dadre, flauto, e ens. Doulce Mémoire; Yo-Yo Ma, violoncello, e The Silk Road Ensemble; Marco Beasley, voce, e ens. Accordone, dir. Guido Morini.

Chi passa per ’sta strada e non sospira
Beato s’è,
falalilela,
Beato è chillo che lo puote fare,
Per la reale.
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.

Affacciati, ché tu mi dài la vita,
Meschino me,
falalilela,
Se ‘l cielo non ti possa consolare,
Per la reale.
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.

Et io ci passo da sera e mattina,
Meschino me,
falalilela,
Et tu, crudele, non t’affacci mai,
Perché lo fai?
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.

Compar Vassillo, che sta a loco suo,
Beato s’è,
falalilela,
Salutami ‘no poco la comare,
Per la reale.
Affacciati mo’
Se non ch’io moro mo’,
falalilela.


Giacomo Gorzanis (1525 - 1578): Padoana detta Chi passa per questa strada (trascrizione della villotta di Azzaiolo). Massimo Lonardi, liuto.


Anonimo (Inghilterra, sec. XVI): Chi passa (dal Marsh lute book). Valéry Sauvage, liuto.


William Byrd (c1540 - 1623): Qui Passe, dal My Ladye Nevells Booke (n. 2). Timothy Roberts, virginale.


Abbiamo già incontrato tempo fa la frottola di Filippo Azzaiolo.

Byrd - Qui passe
William Byrd

Lirum bililirum


Rossino Mantovano (attivo all’inizio del XVI secolo): Lirum bililirum, frottola a 4 voci. Ensemble La Morra (sopra) e Retrover.

Lirum bililirum bililirum
lirum lirum lirum,
De si soni la sordina.
Tu m’intendi ben, Pedrina,
Ma non già pel dovirum.
Lirum bililirum bililirum
lirum lirum lirum,
De si soni la sordina,
De si soni la sordina.

L’è ses agn che’t vo mi ben
E che’t son bon servidor,
Ma t’aspet che ‘l so ben
Ch’al fin sclopi per amor,
De non da plu tant dolor,
Tu sa ben che dis il virum.

Lirum…

Ta recordet quant t’me des
La tua fe si alegrament
E ch’a Ivagnel t’m giures
De volim per to servent,
Mi per litra incontinent
At resposi cum suspirum.

Lirum…

Quant apensi al temp passat
E che to servita indaren
Am doni desperat
Al demoni da l’inferum.
Masno maidi ques inverem
Em voi da te partirum.

Lirum…

Con pot mal soffri traitora
Che ch’si vivi disperat,
Dam audenza almac un hora
Che sero al tut pagat,
Fam un ferit e suglat
Del mio bon fidel servirum.

Lirum…


Lirum bililirum

El grillo è buon cantore

Ecco una frottola di Josquin des Prez (c1450 - 1521). David Feldman, controtenore; Eitan Drori e David Nortman, tenori; Elam Rotem, basso.

El grillo è buon cantore
che tiene longo verso.
Dale beve grillo canta.
Ma non fa come gli altri uccelli,
come li han cantato un poco
van de fatto in altro loco,
sempre el grillo sta pur saldo.
Quando la maggior è ‘l caldo
alhor canta sol per amore.


I’ t’ho donato il cor – I

Magistro Rofino ovvero Francesco Patavino (c1478 - c1556): Un cavalier di Spagna, frottola a 3 voci (dal Libro Primo de la Croce, 1526, n. 11). Ensemble Micrologus.

Un cavalier di Spagna
cavalca per la via,
dal pe’ d’una montagna,
cantando per amor d’una fantina:
“Voltate in qua do bella donzellina
voltate un poco a me per cortesia,
dolce speranza mia ch’io moro per amor
bella fantina,
i t’ho donato il cor.”

Appresso una fontana
Vidi sentar la bella
Soletta in terra piana
Con una ghirlanda di fresca herbecina.
“Voltate in qua do bella donzellina
Voltate un poco a me lucente stella.
Deh non m’esser ribella,
Chè moro per tuo amor.
Bella fantina,
i t’ho donato il cor.”