Ispanomania – XIII

Rodion Ščedrin (1932): Carmen Suite, balletto in 1 atto op. 37 (1967) su temi tratti dalla Carmen di Bizet. hr-Sinfonieorchester, dir. Andrés Orozco-Estrada.
Carmen Suite è uno dei balletti composti da Ščedrin per la moglie, Majja Pliseckaja. La partitura prevede l’impiego di un’orchestra d’archi e di un corposo gruppo di percussioni; comprende 13 brani:

  1. Introduzione: Andante assai
  2. Danza: Allegro
  3. Primo Intermezzo: Allegro moderato – Andante moderato – (attacca)
  4. Cambio della guardia: Moderato
  5. Entrata di Carmen e habanera: Allegro moderato – Quasi andante
  6. Scena: Allegro moderato – Tempo precedente – Andante assai
  7. Secondo Intermezzo: Larghetto
  8. Bolero: Allegro vivo
  9. Torero: Moderato con stoltezza
  10. Torero e Carmen: Lento – Tempo I
  11. Adagio: Andante moderato – Adagio
  12. Presagio: Andantino – Andante assai
  13. Finale: Allegro – Tempo precedente – Andante assai

Majja Pliseckaja e Rodion Ščedrin

Ispanomania – IX

Charles Gounod (1818 - 1893): musica di balletto dal III atto del grand opéra Le Tribut de Zamora (1881). Münchner Rundfunkorchester, dir. Hervé Niquet.

  1. Danse grecque
  2. Danse espagnole [3:52]

L’ultimo lavoro teatrale di Gounod si avvale di un libretto di Adolphe d’Ennery e Jules Brésil, libretto che in precedenza era stato invano offerto a Verdi. La vicenda si svolge in Spagna, fra Oviedo e Córdoba, all’epoca della dominazione araba. Protagonista è Xaïma, che è in procinto di sposare il soldato Manoël; ma su di lei ha messo gli occhi Ben Saïd, inviato dal califfo per riscuotere il tributo di venti vergini previsto dal trattato di Zamora. Dopo diverse peripezie, Xaïma è salvata dalla madre Hermosa e da Manoël.


Cenerentola danzando

Jules Massenet (12 maggio 1842 - 1912): musica di balletto dall’opera Cendrillon (1899). Academy of St Martin in the Fields, dir. sir Neville Marriner.

  1. Le Sommeil de Cendrillon (atto I)
  2. Les Filles de noblesse (atto II) [3:47]
  3. Menuet de Cendrillon (atto II) [5:58]
  4. Les Tendres fiancés (atto II) [9:32]
  5. Les Mandores (atto II) [12:25]
  6. La Florentine (atto II) [14:25]
  7. Marche des princesses (atto IV) [16:11]

Ballet des Plaisirs

Jean-Baptiste Lully (1632 - 22 marzo 1687): scelta di brani dal Ballet des Plaisirs LWV 2 (1655). Aradia Ensemble, dir. Kevin Mallon.

– Ouverture
– 1a entrée: Six jeunes Bergers [2:07]
– 2a entrée: Quatre Gentilshommes [3:223]
– Ouverture per la 2a parte [4:41]
– Gavotte pour les Satyrs (7a entrée) [6:04]
– Sarabande (7a entrée) [6:49]
– Air pour le Vieillard et sa Famille (8a entrée) [9:01]
– Gavotte pour les Suisses (12a entrée) [11:23]
– Bourrée pour Les Courtisans (13a entrée) [12:34]

Il balletto fu composto in collaborazione con Louis de Mollier (1615 - 1688) e Jean-Baptiste Boësset (1614 - 1685) su uno scenario di Isaac de Bensérade (1613 - 1691); è suddiviso in due parti, la prima dedicata ai piaceri della campagna (Les Plaisirs de la Campagne ou les Délices champêtres), la seconda a quelli della città (Les Divertissements de la Ville), per un totale di 25 entrées.
Luigi XIV prese parte alle rappresentazioni interpretando quattro personaggi: la Pace, un Egiziano, un Debosciato e il Genio della Danza; anche Lully ebbe quattro ruoli: un Satiro, un altro Egiziano, un altro Debosciato e un Bagnante.


Beethoven!

Per iniziare in modo superlativo le celebrazioni del duecentocinquantenario beethoveniano, il Teatro di Krefeld-Mönchengladbach presenta oggi in anteprima una nuova creazione di Robert North: Beethoven! è un lavoro teatrale che definire semplicemente «balletto» sarebbe riduttivo. L’idea davvero originale del celebre coreografo è di far interagire sul palcoscenico tre diversi Beethoven. Uno è impersonato da un attore (l’ottimo Michael Grosse, che è anche sovrintendente del teatro): è l’uomo Beethoven, con la sua vita, le sue vicissitudini, le sue idee, il suo rigore morale. Un altro è il Beethoven musicista, il quale esegue al pianoforte, dal vivo, le proprie composizioni: ruolo interpretato da André Parfenov, bravissimo, già collaboratore di North in varie occasioni. A Alessandro Borghesani, magnifico danzatore, è affidato il non facile compito di dare corpo ai sentimenti e alle emozioni del compositore, di farci intravedere la sua anima. Le musiche scelte per lo spettacolo sono in gran parte, ovviamente, del genio di Bonn; fra le altre, Parfenov eseguirà la famosa Arietta della Sonata opus 111. Vi sono inoltre brani di Bach, Mozart e John Cage, nonché dello stesso Parfenov.
Insomma, tutto fa pensare che questa sera andrà per la prima volta in scena un nuovo grande capolavoro di Robert North, al quale invio il mio affettuoso in bocca al lupo! 🙂


Ludwig van Beethoven (1770 - 1827): Sonata in do minore per pianoforte n. 32 op. 111. Svjatoslav Richter.

  1. Maestoso – Allegro con brio ed appassionato
  2. Arietta: Adagio molto semplice e cantabile [8:55]

Beethoven!
balletto di Robert North (2020)
foto di scena

Dolcetti

Richard Strauss (1864 - 1949): Suite dal balletto Schlagobers (1922). Orkiestra filharmonii na­ro­do­wej w Warszawie (Orchestra filarmonica di Varsavia), dir. Jacek Kaspszyk.

  1. In der Konditorküche: Marsch
  2. Tanz der Teeblüte [4:23]
  3. Tanz des Kaffees – Träumerei [9:53]
  4. Schlagoberswalzer [18:07]
  5. Tanz der Prinzessin – Walzer [24:56]
  6. Tanz der kleinen Pralinees – Springtanz der Knallbonbons – Galopp [33:38]
  7. Menuett – Pas de deux [38:15]
  8. Finale: Allgemeiner Tanz [43:47]

Il balletto è ambientato a Vienna. Un gruppo di bambini dopo la cresima vengono accompagnati dalle rispettive madrine in una pasticceria del Prater, dove si abbuffano di ogni sorta di dolciumi: ne consegue inevitabile l’indigestione, sicché finiscono in ospedale. Durante la notte, i bambini sognano che tutti i dolcetti divorati il giorno prima prendono vita e danzano. La mattina successiva il medico constata la guarigione dei piccoli, che possono tornare ai loro giochi spensierati.


Galop Excelsior

Romualdo Marenco (1841 - 9 ottobre 1907): il celebre «Galop» del Ballo Excelsior (1881). Allestimento del 2002 alla Teatro alla Scala di Milano, con Marta Romagna (Luce) e Isabel Seabra (Civiltà), coreografia di Ugo Dell’Ara; Corpo di ballo e Orchestra del Teatro alla Scala, dir. David Coleman.