Angustiae mihi sunt undique

Giovanni Pierluigi da Palestrina (1525 - 1594): Susanna ab improbis senibus obsessam se videns, mottetto a 6 voci (da Motettorum Liber Tertius, 1575, n. 19). The Sixteen, dir. Harry Christophers.

Susanna ab improbis senibus obsessam se videns,
qui forma ejus capti eam, nisi sibi obsequeretur
adulteri se accusaturos minitabantur,
ingenuit et ait: Angustiae mihi sunt undique, si enim hoc egero, mors mihi est
Si autem non egero non effugium manus vestras, sed melius est mihi
absque opere incidere in manus vestras. quam peccare in conspectu Domini.
Postquam autem falso eorum testimonio damnata est,
cum innocentiae suae paratum sibi supplicium videret,
exclamavit et dixit:
Deus aeterne, qui abscondiorum es cognitor,
tu scis quoniam falsum testimonium tulerunt contra me,
et ecce morior cum nihil horum fecerim
quae isti malitiose composuerunt adversum me.
Exaudivit autem Dominus vocem ejus
et salvatus est sanguis innoxius in die illa.


Artemisia Gentileschi, Susanna
Artemisia Gentileschi (1593 - c1654): Susanna e i vecchioni (1610)

Danza di contadini

Pieter Bruegel il Vecchio, Danza di contadini
Pieter Bruegel il Vecchio (c1525 - 9 settembre 1569): Danza di contadini (c1568).


Mentre ammirate il famoso dipinto (cliccando sull’immagine la si ingrandisce) potete ascoltare la rinomata Berge­rette «Sans Roch», tratta dal pregiatissimo Terzo libriccino di musica (1551) dell’esimio Tielman Susato, nella nota interpretazione del celebre New London Consort diretto dal famigerato Philip Pickett.


Pieter Bruegel il Vecchio?
Presunto autoritratto di Pieter Bruegel il Vecchio

Au roi chasseur

Aosta, Giardini pubblici: monumento a Vittorio Emanuele II, opera in fusione di bronzo fine dello scultore piemontese Antonio Tortone, inaugurato domenica 4 luglio 1886 insieme con i Giardini pubblici e con la ferrovia.
«’Sti ca22i!» (Rocco Schiavone, vicequestore aggiunto d’Aosta).

L’isola dei morti – IV

Sergej Vasil’evič Rachmaninov (1873 – 1943): Die Toteninsel, poema sinfonico op. 29 (1909) ispirato dall’omonimo dipinto di Arnold Böcklin. Orchestra sinfonica di Stato della Federazione russa, dir. Evgenij Fëdorovič Svetlanov.
Nel video si alternano le cinque versioni note del dipinto:
1a versione, 1880, oggi nella Öffentliche Kunstsammlung del Kunstmuseum di Basilea;
2a versione, 1880, Metropolitan Museum of Art di New York;
3a versione, 1883, Alte Nationalgalerie di Berlino;
4a versione, 1884, distrutta nel corso della seconda guerra mondiale;
5a versione, 1886, Museum der bildenden Künste, Lipsia.


Rachmaninov, op. 29