Ubi Plato?

Orlando di Lasso (1530/32 - 1594): Audi tellus, mottetto a 6 voci (pubblicato in Sacrae cantiones liber quartus, 1566, n. 9). Cappella Amsterdam, dir. Daniel Reuss.

Audi tellus, audi magni maris limbus,
audi omne quod vivit sub sole:
hujus mundi decus et gloria
quam sint falsa et transitoria,
ut testantur haec temporalia
non in uno statu manentia.
Nulli valet regalis dignitas,
nulli valet corporis quantitas,
nulli artium valet profunditas,
nulli magnae valent divitiae,
nullum salvat genus aut species,
nulli prodest auri congeries.
Transierunt rerum materies
ut a sole liquescit glacies.

Ubi Plato? Ubi Porphirius?
Ubi Tullius aut Vergilius?
Ubi Thales? Ubi Empedocles,
aut egregius Aristoteles?
Ubi Alexander? Ubi rex maximus?
Ubi Hector, Trojae fortissimus?

Ubi David, rex doctissimus?
Ubi Salomon prudentissimus?
Ubi Absolon pulcherrimus?
Cum Helena Paris pulcherrima?
Transierunt legem mortalium
per unius momenti spatium
ceciderunt in profundum ut lapides,
quis scit an detur eis requies?
Sed tu, Deus, rector fidelium,
fac te nobis semper propitium
cum de malis fiet judicium.


Altre composizioni di Orlando di Lasso in questo blog:

In the Upper Room

Philip Glass (1937): cinque danze (nn. 1, 2, 5, 8 e 9) dal balletto In the Upper Room (1986). Philip Glass Ensemble, dir. Michael Riesman.
Il balletto, coreografato da Twyla Tharp, fu presentato al pubblico il 26 agosto 1986 come Untitled. In seguito Tharp ebbe l’idea di ribattezzarlo con il titolo attuale prendendo spunto da un inno cristiano per la Pentecoste, In the upper room at Jerusalem ovvero Prayer for the Power: il testo, del rev. James Bruce Mackay, fa riferimento a un passo degli Atti degli apostoli (1:13) in cui si dice che i discepoli di Gesù erano soliti riunirsi « in una stanza al piano superiore » dove ricevettero poi lo Spirito Santo, il quale si manifestò loro, annunciato da un vento impetuoso, sotto forma di « lingue di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno » (Atti 2:2-3). Il titolo del balletto non allude però a esperienze mistico-religiose: la Upper Room è in realtà la mente dell’artista, visitata dal vento e dal fuoco dell’ispirazione.