Le bravate di Goliath (e loro conseguenze)

Johann Kuhnau (1660 - 5 giugno 1722): Il combattimento tra David e Goliath, sonata per strumento a tastiera (Musicalische Vorstellung einiger biblischer Historien in sechs Sonaten auf dem Claviere zu spielen, 1700, n. 1). Anikó Horváth, clavicembalo.

  • Le bravate di Goliath

  • Il tremore degl’Israeliti alla comparsa del Gigante, e la loro preghiera fatta a Dio [1:40]

  • Il Coraggio di David, ed il di lui ardore di rintuzzar l’orgoglio del nemico spaventevole, colla sua confidenza messa nell’ajuto di Dio [3:58]

  • Il combattere frà l’uno e l’altro e la loro contesa [5:01]. Vien tirata la selce colla frombola nella fronte del Gigante [5:26]. Casca Goliath [5:31]

  • La fuga de’ Filistei, che vengono persequitati ed amozzati dagl’Israeliti [6:06]

  • La gioia degl’Israeliti per la loro Vittoria [6:58]

  • Il Concerto Musico delle Donne in honor di Davide [8:20]

  • Il Giubilo comune, ed i balli d’allegrezza del Populo [9:46]


Variazioni sinfoniche – III

Peter Schat (5 giugno 1935 - 2003): De Hemel (Il paradiso), 12 variazioni sinfoniche op. 37 (1989-90). Koninklijk Concertgebouworkest, dir. Riccardo Chailly.

Ispirato da un viaggio in Nuova Zelanda, dove Schat rimase profondamente impressionato dallo spettacolo del tramonto sull’oceano, De Hemel intende raffigurare idealmente ventiquattr’ore della vita di un uomo sulla Terra, il paradiso terrestre che Schat chiamava «il mio Paradiso». Come tutte le opere di Schat successive al 1970, anche De Hemel si fonda sui principi compositivi fissati dal musicista olandese nella teoria del toonklok, ovvero «orologio dei suoni», per la quale tutte le triadi (accordi di tre suoni) possibili sono collocate, per stabilirne le interrelazioni, sul quadrante di un immaginario orologio, nel quale a ogni ora corrisponde un suono della scala cromatica.


Schat