Misto è col gelo amor

Antonio Brunelli (1577 - 1630): Non havea Febo ancora su testo di Ottavio Rinuccini (pubblicato in Scherzi, arie, canzonette, e madrigali a una, due e tre voci… libro secondo op. 10, 1614). Furio Zanasi, baritono; Ensemble La Chimera, dir. Eduardo Egüez.

Non havea Febo ancora
recato al mondo il dì,
che del suo albergo fuora
una donzella uscì.

  Miserella, ah più no, no,
  tanto gel soffrir non può.

Sul pallidetto volto
scorgeasi il suo dolor,
spesso gli venia sciolto
un gran sospir dal cor.

Si calpestando i fiori
errava hor qua, hor là,
e i suoi perduti amori
così piangendo va.

Amor, dicea, e il pie’
mirando il ciel fermò,
dove, dov’ è la fe’
che ‘l traditor giurò?

Se il ciglio ha più sereno
colei che ‘l mio non è,
già non gli alberga in seno
amor si nobil fè.

Fa’ ch’ei ritorni mio
Amor com’ei pur fu,
o tu m’ancidi, ch’io
non mi tormenti più.

Né mai più dolci baci
da quella bocca havrà,
né più soavi, ah taci,
taci, che troppo il sa.

Poiché di lui mi struggo,
dove stima non fa,
che sì, che sì ch’io ‘l fuggo
ch’ancor mi pregherà?

Sì tra sdegnosi pianti
sfogava il suo dolor;
sì dei gentili amanti
misto è col gelo amor.


Come pietra era il suo cuore

Nadia Boulanger (1887 - 1979): Au bord de la route, mélodie (1922) su testo di Camille Mauclair (pseudonimo di Séverin Faust). Melinda Paulsen, mezzosoprano; Angela Gassenhuber, pianoforte.

Cet homme ne voulait plus vivre.
Voyons, de quoi vous mêlez-vous?
Monsieur, madame, en vérité,
Cet homme en avait assez.

Son cœur était comme une pierre,
Mais si quelqu’un l’avait ouvert,
Peut-être dans ce cœur d’amant
Aurait-il vu le diamante.

Mais la pierre était si pesante
Qu’il s’est couché sur le chemin
En serrant sur elle ses mains
Et il est mort de son attente.

Cet homme en avait assez.
Avec lui le joyau mourra.
Monsieur, madame, il se fait tard:
Un signe de croix et passez.