Sinfonia fiorentina

Joseph Gabriel Rheinberger (1839 - 25 novembre 1901): Sinfonia n. 2 in fa maggiore op. 87, Florentine (1875). Nordwestdeutsche Philharmonie, dir. Alun Francis.

  1. Allegro con fuoco
  2. Adagio [13:55]
  3. Menuetto pastorale: Non troppo allegro [32:18]
  4. Finale: Allegro non troppo [42:08]

14 pensieri su “Sinfonia fiorentina

    • Rheinberger era nato a Vaduz, Lichtenstein, e compose questa sinfonia a seguito di un viaggio in Italia, nel 1874. Avrà senz’altro visto Firenze con gli occhi da mitteleuropeo.

      Ma poi, che cosa c’è di “fiorentino” nel (meno ignoto) Souvenir de Florence di Čajkovskij? Niente, anzi: è molto russo 😀

      "Mi piace"

      • In effetti l’artista è spesso chiuso nel suo mondo, il che va pure bene, se è un mondo che ci piace.

        En passant, e a proposito di Čajkovskij, gli ho sempre preferito Rachmaninov (anche se C. mi piace). Vallo però a dire ai critici (italiani, ne conosco bene uno). Rachmaninov per loro è un tabù, nel loro giro se uno loda R. è bollato.

        Il diktat sembra essere: autore superficiale, troppo facile e passatista.

        Invece per me R. 1) ha avuto il coraggio di comporre musica fuori del tempo; 2) orchestra molto meglio di C., 3) per non parlare della sua scrittura pianistica, che è formidabile, eclatante. 4) La sua musica è molto ispirata. E infatti il pubblico lo adora.

        Passione mia adolescenziale, Rachmaninov, quando smaniavo per una ragazzina, ma, purtroppo, ‘non osai’.

        "Mi piace"

        • Be’, in effetti confesso che anche a me Rachmaninov dà l’impressione di uno nato troppo tardi in un mondo troppo vecchio… Poi, nulla da discutere circa sua abilità di orchestratore – la scuola russa ha prodotto grandissimi artisti in questo campo: oltre a Čajkovskij (per me un maestro indiscutibile, basta vedere la partitura dello Schiaccianoci) ci sono anche Rimskij-Korsakov e altri. A proposito: conosci Kalinnikov?

          Qualche settimana fa ho proposto in queste pagine l’ascolto di un brano di Richard Addinsell, che ai più è noto unicamente per il cosiddetto Concerto di Varsavia – cioè per un equivoco: quella composizione così ammirata e eseguita in realtà era stata concepita come parodia dello stile di Rachmaninov…

          "Mi piace"

          • Divertentissimo. Incredibile coordinazione, tra l’altro.

            Gli orientali hanno una marcia in più in tutto e presto purtroppo domineranno il mondo, non c’è America che tenga. Parlando solo del campo commerciale, a Roma, non so Torino, i cinesi si affermano sempre di più per l’incredibile competenza e per il fatto che lavorano senza sosta, all’interno di una popolazione, quella romana, abbastanza pigra anche se con virtù non sempre riconosciute da voi nordici 😉

            Vabbè, la smetto, sennò qui continuiamo ad libitum e non oggi si conclude nulla.

            A la prochaine, Claudio.

            Piace a 1 persona

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.