Musica di sua maestà: Giovanni Ernesto di Sassonia-Weimar

Giovanni Ernesto di Sassonia-Weimar (1696 - 1º agosto 1715): Concerto in sol maggiore per violino e orchestra. Thüringer Bach Collegium.

I. Allegro assai
II. Adagio
III. Presto e staccato


Lo stesso concerto nella trascrizione per organo eseguita da Johann Sebastian Bach (BWV 592). Ton Koopman all’organo Schnitger della Martinikerk in Groninga.

I. (Allegro)
II. Grave [3:18]
III. Presto [5:10]


BWV 592

11 pensieri su “Musica di sua maestà: Giovanni Ernesto di Sassonia-Weimar

  1. Bellissima la prima versione! Di solito non amo i concerti per violino e orchestra perché hanno un’organico per me un po’ troppo “abbondante” (Beethoven o Mozart, per esempio), ma questo è tutta un’altra cosa. La trascrizione per organo mi piace meno: mi sembra un po’ “sontuosa”, da cattedrale, ma forse sono condizionata dal mio scarso apprezzamento per lo strumento in sé.

              • Uh, che bello: mi sento anch’io un po’ speciale! Però credevo che piacesse a molti. La prima volta che avevo ascoltato il Quintetto di cui sopra, era la colonna sonora del film tratto dal libro “Notturno indiano” di Tabucchi e me ne sono innamorata. Poi ho capito meglio perché: soprattutto per il ruolo della viola nelle sue composizioni, di cui mi sono resa veramente conto solo dal vivo, in occasione di un concerto. È uno strumento che amo molto. “Conosco” Robert North! Quando ancora avevo Sky l’abbonamento includeva anche la musica classica e, così, scoprii la sua bellissima coreografia di “La morte e la fanciulla”. Non avrei mai pensato che qualcuno avesse il coraggio (e il genio, sì) di creare una coreografia – sebbene piuttosto “moderata” – di danza contemporanea su musica di Schubert! Sai se ne ha fatte altre? Su YouTube c’è ben poco, le riprese e l’audio lasciano molto a desiderare e non conosco le compagnie che ho trovato. Comunque, l’unica versione accettabile sembra essere quella dell’Oakland Ballet, che dura circa mezz’ora.

                • Sì, su YouTube c’è pochissimo.
                  Conosco Robert perché mia sorella è da un quarto di secolo la sua assistente prediletta – ovviamente subito dopo sua moglie 🙂
                  E’ davvero una persona speciale. Siccome adora, oltre a Schubert, anche l’Italia, e in particolare il cibo e i vini piemontesi, nel ’96 si era stabilito a Torino, in una bella casa presso la Mole, con vista su Dora, Alpi e Superga. Poi, una dozzina di anni fa ha ricevuto un incarico in Germania, a Mönchengladbach, e da allora vive lassù, per cui abbiamo meno occasioni di incontrarci (ma domani sera si cena insieme).

                  • Ma pensa tu… lo conosci personalmente!
                    Che buffa coincidenza, parlarne proprio il giorno prima della vostra cena… e con una “tipetta” qualsiasi che per puro caso ha avuto la fortuna di vedere, anche se solo in tv, quel balletto meraviglioso. 🙂

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.