Offenbach e il violoncello (anzi: due violoncelli)

Jacques Offenbach: Suite in sol minore per 2 violoncelli op. 54 n. 1 (Cours méthodique de duos pour deux violoncelles). Étienne Péclard e Roland Pidoux.

I. Allegro non troppo
II. Adagio religioso
III. Rondò: Allegro

Si tratta insomma di un’opera didattica.


JO
Jacques Offenbach
20 giugno 1819 – 5 ottobre 1880
(disegno di Alexandre Laemlein, 1850. © Gallica-BnF)

Offenbach 200! – I primi anni a Colonia

Vita di Jacques Offenbach – 1a parte

Questa settimana sarà interamente dedicata a Jacques Offenbach, il piccolo Mozart degli Champs-Élysées, il re del Secondo Impero, ma soprattutto uno dei pochissimi compositori capaci di far autentico umorismo in musica – se ci fate caso, da Clément Janequin a Jean Françaix, da Adriano Banchieri a Elio e le Storie Tese, sono quasi tutti italiani e francesi.
Offenbach potrebbe essere considerato un’eccezione, essendo nato in Germania, a Colonia, il 20 giugno 1819. Suo padre si chiamava Isaac Juda Eberst ed era nativo di Offenbach sul Meno; quando si trasferì nella città renana, a inizio 1800, cominciarono a chiamarlo «der Offenbacher» (quello di Offenbach) e poi semplicemente Offenbach. Era un uomo colto e morigerato che si guadagnava da vivere rilegando libri e dando lezioni di musica; più tardi divenne cantore in una sinagoga di Colonia. Non era ricco, Isaac Offenbach, ma era capace di spendere fino all’ultimo centesimo per i suoi figli. Ne ebbe in tutto dieci: Jacob (il futuro Jacques) era il settimo, il secondo maschio, e ancora in tenera età cominciò a suonare – come tutti in famiglia – il violino; ma un giorno, quando aveva 9 anni, rovistando fra le vecchie cose di casa trovò un violoncello più alto di lui, se ne innamorò e decise che quello sarebbe stato il suo strumento. Considerate le indubbie doti dei figli, Isaac pensò di far suonare in trio il maggiore, Julius (1815 - 1880), al violino, la sorella Isabelle (1817 - 1891) al pianoforte e Jacob. Il piccolo ensemble iniziò a esibirsi nelle birrerie e nelle sale da ballo; per accrescere l’attrattiva di quei concerti, Isaac non si fece scrupolo di ringiovanire Jacob, che era di minuta costituzione, togliendogli due anni: finì per convincersene lo stesso ragazzo che, molto tempo dopo, diventato celebre come Jacques Offenbach, all’inizio di una serie di note autobiografiche scrisse: «Sono nato a Colonia nel 1821».
Da buon padre premuroso, preoccupato per l’avvenire dei figli, Isaac a un certo punto si risolse a portare Julius e Jacob a Parigi.

(continua)


JO
Jacques Offenbach
20 giugno 1819 – 5 ottobre 1880