Interpretazioni del cucù

Louis-Claude Daquin (4 giugno 1694 - 1772): le Coucou, rondeau in mi minore, dalla 3a Suite del Premier Livre de pièces de clavecin (1735).


Segej Rachmaninov al pianoforte (registrazione del 1920).



György Cziffra al pianoforte (1982).



Trevor Pinnock al clavicembalo (1984).



Klaas Jan Mulder all’organo (1994).



Marie-Pierre Langlamet all’arpa (2015).


Coucou

Annunci

22 pensieri su “Interpretazioni del cucù

  1. grazie per il delizioso risveglio. Trevor Pinnock al clavicembalo e Klaas Jan Mulder all’organo sono le esecuzioni che mi fanno immaginare una scena gradevolmente più brìosa, anche se al momento mi manca la mia dose di caffè per sentirmi al passo… 🙂 buondì Claudio

          • ;D 😀 Sei un ottimista e ti ringrazio per l’incoraggiamento. Da piccola mi sarebbe piaciuto molto imparare a suonare uno strumento, il piano, in particolare, ma non era possibile… economicamente ed anche dal punto di vista logistico… dalle mie parti l’unico strumento disponibile era l’organo della chiesa, ma visto che era della chiesa, non si poteva toccare, quindi… ci facevano suonare il flauto a scuola, ma erano lezioni noiosissime… una cosa che farebbe odiare un pentagramma anche a Mozart. E allora siamo messi così… 😦

            • Sono totalmente d’accordo con te per quanto riguarda il flauto a scuola.
              Imparare a suonare uno strumento si può sempre, è solo questione di voglia, al di là di eventuali problemi economici. Importante è anche un po’ di sano realismo: chi comincia dopo una certa età non si deve illudere di poter diventare un concertista. Si suona per il proprio piacere, questo è l’importante 🙂

              • Ovviamente è così! Non mi è mai passato per la testa di diventare una musicista; sono perfettamente consapevole dei miei limiti e tutto quello che mi interessa è capire quello che non sono mai riuscita a capire e conoscere cose che non sono mai riuscita a conoscere, in molti campi, non solo quello musicale. Ci sto lavorando da un po’ di anni… con fatica, devo dire 😀 Sarà che non sono un drago, o forse è solo così che si può fare… non so.

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.