Le Ménétrier

Max d’Ollone (1875 – 15 maggio 1959): Le Ménétrier, poema sinfonico per violino e orchestra (1910). Mark Kaplan, violino; Orquestra sinfònica de Barcelona i nacional de Catalunya, dir. Lawrence Foster.

I. Au pays natal: Andante molto tranquillo
II. Chez les Bohémiens: Mouvement de valse [9:03]
III. Le retour au pays: Modéré, large, mais avec chaleur et mouvement [13:26]


MdO

Annunci

13 pensieri su “Le Ménétrier

    • Ma ti piace la sua musica o ti piace che fosse populista?
      Ovviamente non era “populista” nell’accezione attuale, equivalente a demagogo.
      (Maledetta Wikipedia.)
      In effetti d’Ollone pensava che anche la musica possa fondarsi sui principi del populisme letterario, che è – dice il Dictionnaire Larousse – una «tendance artistique […] qui s’attache à l’expression de la vie et des sentiments des milieux populaires». I populisti rifiutavano l’analisi psicologica dei personaggi letterari e sostenevano la necessità per lo scrittore di scegliere il popolo come soggetto principale delle proprie opere, occupandosi in particolare del proletariato, considerato quasi etnologicamente, anziché come espressione di una letteratura impegnata.

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.