Romberg, opus 22

Andreas Jakob Romberg (27 aprile 1767 – 1821): Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 22, SteR 19 (1806). Kammerorchester Hockenheim.

I. Adagio – Allegro assai
II. Menuetto: Allegretto [8:43]
III. Andante affettuoso [13:48]
IV. Finale: Allegro [19:40]


Romberg, Sinfonia 2

Annunci

7 pensieri su “Romberg, opus 22

    • Già: un’indicazione tipica del Barocco, ma si trova anche in composizioni del periodo successivo. Per il Musikalisches Lexikon (dizionario di musica, 1732) di Johann Gottfried Walther, con «affettuoso» si prescrive all’esecutore un atteggiamento espressivo particolarmente tenero e intenso, mentre nell’omonima opera di Heinrich Christoph Koch (1802) è definito affettuoso un tempo lento, un po’ più rapido dell’adagio e un po’ meno dell’andante; «Andante affettuoso» sarà dunque ancora un po’ più rapido dell’affettuoso semplice, ma sempre meno dell’andante. «Affettuoso» si trova anche in Bach, come indicazione del movimento centrale del V Concerto brandeburghese.

      In epoca barocca era stata elaborata da musicisti italiani e tedeschi una «teoria degli affetti» (Affektenlehre in tedesco) che consisteva in una rappresentazione stilizzata di un repertorio di «affetti» o «passioni» convenzionali, in parte codificati come figure retoriche. Questa idea del «musicista oratore» non era un’esclusiva degli interpreti, ma era estesa anche all’attività creativa: i nomi delle figure della retorica classica vennero assegnati a particolari procedimenti compositivi che in qualche modo le ricordavano. Per esempio l’omeoteleuto, che nell’ambito dell’arte oratoria consiste nel far terminare in maniera foneticamente simile le parole che chiudono frasi consecutive, ha un corrispondente musicale quando due o più membri del periodo musicale si concludono in modo uguale.
      Ma gli esempi sono innumerevoli, se ne trovano a iosa, anche in composizioni delle epoche precedenti e successive.

        • In greco, ὁμοιο- (omeo = simile) e τελευτή (teleuté = fine, conclusione). Il primo elemento si trova in altre parole derivate dal greco, come omeopatia, omeostasi eccetera.
          Quando lavoravo in Utet avevo conosciuto un sacerdote davvero singolare, don Ferruccio Civra, che era uno dei massimi esperti del Barocco musicale. Aveva fra l’altro pubblicato (proprio presso la Utet) una piccola ma esaustiva introduzione alla retorica musicale, intitolata Musica poetica.
          Dentro una composizione musicale ci sono cose che non ti aspetti 🙂

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.