Quei dolci rai

Giulio Caccini, detto Giulio Romano (c1550 – 10 dicembre 1618): Udite, amanti, aria VI dalle Nuove musiche (1601); testo di Ottavio Rinuccini. Marco Beasley, voce; ens. Accordone, dir. Guido Morini.

Udite, udite, amanti,
Udite, o fere erranti,
O cielo, o stelle,
O luna, o sole,
Donn’e donzelle,
Le mie parole!
E s’a ragion mi doglio
Piangete al mio cordoglio!

La bella donna mia,
Già si cortese e pia,
Non so perché,
So ben che mai
Non volge a me
Quei dolci rai;
Et io pur vivo e spiro:
Sentite che martiro!

Care, amorose stelle,
Voi pur cortesi e belle,
Con dolci sguardi
Tenest’in vita
Da mille dardi
L’alma ferita,
Et or più non vi miro:
Sentite che martiro!

Ahimé che tristo e solo,
Sol io sento ‘l mio duolo;
L’alma lo sente,
Sentelo ‘l core,
E lo consente
Ingiusto amore;
Amor se ‘l vede ‘l tace,
Et ha pur arco e face.


Le nuove musiche