Angelus ad virginem

Anonimo (sec. XIII): Angelus ad virginem. Corale polifonica «San Gregorio Magno».
Ho pensato a questa bellissima carola medievale, il cui testo è forse da attribuirsi a Philippe le Chancelier, leggendo questo post di Enrico Garrou.

Angelus ad virginem
Subintrans in conclave
Virginis formidinem
Demulcens inquit “Ave.”
Ave regina virginum,
Caeli terraeque dominum
Concipies
Et paries
Intacta,
Salutem hominum.
Tu porta caeli facta
Medela criminum.

Quomodo conciperem,
quae virum non cognovi?
Qualiter infringerem,
quae firma mente vovi?
“Spiritus sancti gratia
Perficiet haec omnia;
Ne timeas,
sed gaudeas,
secura,
quod castimonia
Manebit in te pura
Dei potentia.”

Ad haec virgo nobilis
Respondens inquit ei;
Ancilla sum humilis
Omnipotentis Dei.
Tibi coelesti nuntio,
Tanta secreti conscio,
Consentiens
Et cupiens
Videre
factum quod audio,
Parata sum parere
Dei consilio.

Angelus disparuit
Et statim puellaris
Uterus intumuit
Vi partus salutaris.
Qui, circumdatus utero
Novem mensium numero,
Hinc Exiit
Et iniit
Conflictum,
Affigens humero
Crucem, qua dedit ictum
Hosti mortifero.

Eia Mater Domini,
Quae pacem reddidisti
Angelis et homini,
Cum Christum genuisti;
Tuum exora filium
Ut se nobis propitium
Exhibeat,
Et deleat
Peccata;
Praestans auxilium
Vita frui beata
Post hoc exsilium.


Annunci

L’assedio di Philippsburg


Alessandro Poglietti (?-1683): Toccata fatta sopra l’assedio di Filipsburgo. Fernando De Luca, clavicembalo.

La cittadina di Philippsburg, nel Baden-Württemberg, fu assediata più volte nel corso della sua storia. L’episodio cui fa riferimento la composizione di Poglietti risale al 1676: Philippsburg, occupata dai francesi fin dal 1644, il 1° maggio viene cinta d’assedio dalle truppe imperiali guidate da Carlo V di Lorena; strenuamente difesa per oltre quattro mesi dal generale Charles de Faultrier du Fay, la piazzaforte capitola il 9 settembre.

L'assedio di Philippsburg