Che cos’è dunque l’amore, se non tormento?

Philip Rosseter (1567 o 1568 – 5 maggio 1623): What then is love but mourning, ayre (1601). Alfred Deller, haute-contre, e Desmond Dupré, liuto (Parigi, 16 dicembre 1972).

What then is love but mourning,
What desire but a selfburning,
Till she that hates doth love return,
Thus will I mourn,
Thus will I sing,
Come away, come away my darling.

Beauty is but a blooming,
Youth in his glory entombing,
Time hath a while which none can stay,
Then come away,
While thus I sing,
Come away, come away my darling.

Summer in winter fadeth,
Gloomy night heav’nly light shadeth,
Like to the mourn are Venus’ flowers,
Such are her hours,
Then will I sing,
Come away, come away my darling.

Un pensiero su “Che cos’è dunque l’amore, se non tormento?

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.