Verschiedene Canones


Canon alla ottava di J. S. Bach (da Die Kunst der Fuge BWV 1080).



Canon alla duodecima, sempre da BWV 1080.



Canone cancrizzante (dal Musicalisches Opfer BWV 1079) scritto sopra un nastro di Möbius.


Canone «a ventaglio» (ancora da BWV 1079). Si tratta di un particolare tipo di canone infinito nel quale ogni ripresa del tema avviene in una tonalità diversa; generalmente le riprese si susseguono a intervallo di un tono l’una dall’altra (come in questo caso), ragion per cui il canone a ventaglio è anche chiamato, con locuzione latina, canon per tonos.


Un video didattico-divulgativo molto interessante (attenzione, v’è una lunga coda “vuota”: il video ha termine in realtà a 14:45).
Fra i commenti degli utenti di YouTube mi è piaciuto molto quello a firma di SeanPi314: «Se ne evince che Bach non era umano» 🙂


Annunci

11 pensieri su “Verschiedene Canones

  1. Oh, Claudio, stai regalando musiche meravigliose.
    I tuoi post sono davvero ben costruiti, poi.
    Mi addormento con queste note.

    Grazie, amico caro.
    Torno a un’ora meno tarda.
    🙂
    gb
    Buona nuova settimana!

      • Oh, Claudio, ho letto ora anche ciò che hai scritto sotto e non posso che ringraziarti ancora per tutto quello che tu dai a chi ti segue.
        E’ stato bellissimo addormentarmi così. 🙂
        E “Le creazioni di un bravo contrappuntista, invece, continuano a dare gioia e piacere secoli dopo che sono state concepite, a chiunque sappia ascoltarle. E condividerle” Eh sì, Claudio 🙂
        Torno ancora. Questa musica è da ascoltare e ascoltare.
        Un abbraccio
        gb
        La tua ironia è grande!

  2. intanto clicco Like senza nemmeno ascoltare… visto che sono perfettamente concorde con il commentatore youtubbiano sul fatto che «Se ne evince che Bach non era umano»…

    poi… nel silenzio della casa addormentata… ascolto!
    Viva!

    • In effetti, scrivere un contrappunto imitato non è poi così difficile: se si conoscono bene tutte le regole e ci si applica con attenzione, è un po’ come risolvere un problema di sudoku. Difficile è fare in modo che l’esercizio sia anche gradevole all’ascolto. Qui sta la differenza fra l’artista e il sudokista: la fatica di quest’ultimo è arida, fine a sé stessa, e chi se ne fa carico è l’unica persona che può, se riesce, trarne qualche godimento. Le creazioni di un bravo contrappuntista, invece, continuano a dare gioia e piacere secoli dopo che sono state concepite, a chiunque sappia ascoltarle. E condividerle 🙂

    • Ciao. Fra parentesi, non so se l’autore del video con il canone cancrizzante conosca l’opera di Nicolas Slonimsky… Questi fu un musicista e musicografo russo-americano, noto soprattutto per aver curato varie edizioni del Baker, il più famoso fra i dizionari biografici musicali pubblicati negli States. Slonimsky era un mattacchione, e scrivendo la “voce” su sé stesso indicò, fra le proprie composizioni «più rilevanti», un brano intitolato Möbius-strip-tease: si tratta di un canone infinito per soprano e pianoforte; il canone è scritto appunto su un nastro di Möbius (Möbius-strip) preventivamente avvolto intorno alla testa del soprano, che cantando lentamente lo svolge, eseguendo dunque una sorta di striptease.
      L’idea di scrivere un canone infinito sopra un infinito , quindi, non è nuova 😉

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.