I giorni oscuri e le dogliose notti

Cipriano de Rore (c1515/16 - 1565): Mia benigna fortuna, madrigale a 4 voci (pubblicato nel Secondo Libro dei madrigali a 4 voci, 1552, n. 7) su testo di Francesco Petrarca (Canzoniere 332). Huelgas Ensemble, dir. Paul van Nevel.

Mia benigna fortuna e ‘l viver lieto,
i chiari giorni et le tranquille notti
e i soavi sospiri e ‘l dolce stile
che solea resonare in versi e ‘n rime,
vòlti subitamente in doglia e ‘n pianto,
odiar vita mi fanno, et bramar morte.

Crudel, acerba, inexorabil Morte,
cagion mi dài di mai non esser lieto,
ma di menar tutta mia vita in pianto,
e i giorni oscuri et le dogliose notti.
I mei gravi sospir’ non vanno in rime,
e ‘l mio duro martir vince ogni stile.


Un pensiero su “I giorni oscuri e le dogliose notti

  1. Oh, che meraviglia!
    Quanto amo questo canto.
    Ottima interpretazione.

    Grazie, Claudio.
    ◕‿◕
    gb

    Alfred Einstein, scrive in The Italian Madrigal (1949): “Il vero successore spirituale di Rore fu Monteverdi, ma Rore detenne la chiave dell’intero sviluppo del madrigale italiano dopo il 1550.”
    ❁Scrivo queste annotazioni perché ho notato che Claudio, dopo, mi risponde e chiarisce tutto profondamente❁ 😉

Scrivi un commento:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.