Greensleeves – VII

Con il suo ensemble, The Broadside Band, Jeremy Barlow ha lavorato a lungo e proficuamente sulle musiche utilizzate da Johann Christoph Pepusch nella Beggar’s Opera (1728) di John Gay: la quale è l’unica ballad opera di cui si parli ancora ai nostri giorni, grazie anche al rifacimento brechtiano del 1928, Die Dreigroschenoper, che adotta però musiche originali composte da Kurt Weill. Per la Beggar’s Opera invece, com’è noto, Pepusch adattò i testi di Gay a melodie che all’epoca avevano una certa notorietà, prendendole a prestito da broadside ballads, arie d’opera, inni religiosi e canti di tradizione popolare.
Oltre a produrre un’edizione completa del lavoro di Gay e Pepusch, Barlow e la sua band hanno inciso (per Harmonia Mundi, 1982) anche un’antologia degli airs più famosi (in tutto nove brani), di ciascuno dei quali proponendo non solo la versione della Beggar’s Opera ma anche la composizione originale e eventuali altre sue trasformazioni, varianti e parodie.
L’ultimo track dell’antologia, quello che qui sottopongo alla vostra attenzione, è dedicato a Greensleeves. Comprende, nell’ordine:
1. una improvvisazione sul passamezzo antico, eseguita al liuto da George Weigand;
2. [a 1:13] Greensleeves, la più antica versione nota della melodia con la più antica versione nota del testo (*), cantata da Paul Elliott accompagnato al liuto da Weigand;
3. [a 4:07] la versione strumentale di William Cobbold (1560-1639), con improvvisazioni eseguite da Weigand alla chitarra barocca e da Rosemary Thorndycraft al bass viol;
4. [a 5:27] la versione della Beggar’s Opera che già conosciamo, interpretata ancora da Elliott;
5. [a 6:03] un «medley» di jigs irlandesi eseguito da Barlow al flauto e da Alastair McLachlan al violino.

(*) Da A Handful of Pleasant Delights, 1584:

Alas, my love, you do me wrong,
To cast me off discourteously.
And I have loved you so long,
Delighting in your company.

Greensleeves was all my joy,
Greensleeves was my delight,
Greensleeves was my heart of gold,
And who but my Lady Greensleeves.

I have been ready at your hand,
To grant whatever you wouldst crave,
I have both waged life and land,
Your love and goodwill for to have.

Well I will pray to God on high
That thou my constancy mayst see,
And that yet once before I die,
Thou wilt vouchsafe to love me.

Greensleeves, now farewell, adieu,
God I pray to prosper thee,
For I am still thy lover true,
Come once again and love me.


My Lady Greensleeves