pseudoBach


Lionel Rogg (1936): Improvisation sur la Toccata en ré mineur, eseguita dall’autore.
Se questa improvvisazione vi sembra troppo irriverente, tenete presente che la celeberrima Toccata e fuga BWV 565 è stata attribuita a J. S. Bach quasi certamente per errore.
Lionel Rogg va annoverato fra i più grandi concertisti di ogni tempo: all’età di venticinque anni eseguì l’integrale dell’opera organistica di Bach al Victoria Hall di Ginevra, sua città natale. Il mio primo incontro con la sua arte interpretativa risale qualche anno dopo, quando l’ascoltai eseguire al clavicembalo e all’organo brani tratti dal Fitzwilliam Virginal Book.