Concertino – I

Leoš Janáček (1854 – 1928): Concertino per pianoforte, due violini, viola, clarinetto, corno e fagotto (1925). Zelia Chueke, pianoforte; membri dell’International Chamber Orchestra.
Composto durante una visita a Hukvaldy, in Moravia, luogo natale e ritiro campestre di Janáček, il Concertino è, secondo le indicazioni dell’autore, una descrizione dei giochi di vari animali nel bosco: in una lettera datata 23 aprile 1925 Janáček parla di “uno scoiattolo, alcuni moscerini, un capriolo”, mentre in un articolo scritto qualche tempo dopo aggiunge alla lista un riccio e dei gufi. Gli animaletti sono raffigurati prima individualmente, poi nel terzo movimento compaiono insieme, e nel Finale tutti giocano, saltano e corrono con crescente vivacità.


Janáček, Concertino

Annunci